I gatti non potranno vagare liberamente, solo al guinzaglio: la nuova legge dell’Australia (che non ci piace)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova legge vieta ai gatti di vagare per le strade delle cittadine australiane, e dispone addirittura la soppressione dei randagi

Una nuova legge vieta ai gatti di vagare per le strade delle cittadine australiane, e dispone addirittura la soppressione dei randagi in nome della protezione delle specie selvatiche

A Freemantle, nell’Australia occidentale, è interdetto ai felini l’accesso a tutte le aree di proprietà del comune – come parchi, strade, banchine e boscaglie. La motivazione per questo? Secondo i membri del consiglio comunale, la presenza di gatti randagi o comunque liberi di circolare privi di guinzaglio rappresenterebbe una minaccia per la fauna selvatica della zona; inoltre, con questo provvedimento, si impedisce ai felini di finire investiti dalle automobili o di farsi del male in combattimenti con i loro simili.

Un provvedimento a tutela dei felini stessi, in primo luogo, e poi anche degli animali selvatici della zona, che vivono nei boschi ai margini della città: i gatti domestici, se tenuti al sicuro in casa, vivono molto più a lungo e molto più sani; inoltre, i gatti urbani uccidono 30 volte più fauna selvatica rispetto ai gatti adulti fuori nella boscaglia. Ma è proprio vero che i gatti rappresentano una minaccia per la fauna selvatica e per l’ecosistema dei boschi? In realtà, uno studio recentemente condotto proprio in Australia ha smontato questo luogo comune, dimostrando che sono altri i reali fattori di rischio per uccelli e animali selvatici.

Lo studio ha analizzato l’impatto degli animali domestici – gatti e cani – sulla fauna locale urbana utilizzando l’approccio quantitativo della citizen science, ovvero tramite questionari fatti ai proprietari degli animali stessi: a loro è stato chiesto di segnalare e identificare le eventuali vittime portate a casa dai loro animali. I risultati dello studio hanno dimostrato che, sia per i cani che per i gatti, la maggior parte delle prede erano mammiferi – perlopiù topi, ratti e conigli (tutte specie considerate nocive in Australia e certamente non inserite in programmi di protezione animali). Ciò che ha sorpreso i ricercatori e, di conseguenza, sfatato il mito del gatto come minaccia all’ecosistema, è stata la dimostrazione che i cani sono molto più inclini dei gatti a predare specie selvatiche e rare (62% contro 47%): lucertole, scinchi, ma anche opossum e canguri sono fra le vittime preferite.

Questi risultati, quindi, dimostrano che la presenza dei felini in città e nelle aree boschive suburbane non rappresenta una minaccia per le specie selvatiche – certamente, non più dei cani. Malgrado queste evidenze, purtroppo, in molte zone del Paese le limitazioni alla deambulazione dei felini domestici sono abbinate addirittura a campagne di abbattimento dei gatti randagi – mentre per i cani tali disposizioni così feroci non esistono. Inoltre, non si tiene conto del prezioso aiuto fornito dai gatti nel limitare la crescita di popolazioni di animali infestanti, come i ratti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: ABC News / Frontiers Veterinary Science

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook