Gatta smarrita ritrova la sua famiglia a distanza di 7 anni e dopo un viaggio di 3.000 km

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

California, Riverside: la famiglia non ha mai smesso di cercare la gatta che si era persa e l'ha trovata ora dopo 7 anni

In California una gatta di nome Ebi è stata smarrita nel 2015 ed i proprietari, Joe e Leanna Drnec, l’hanno cercata disperatamente e, anche se non sapevano se l’avrebbero più rivista dopo 7 anni, non hanno mai smesso di sperare di poter stringere e coccolare ancora una volta la propria gatta ed infatti la loro perseveranza, ed un pizzico di fortuna, ha fatto sì che Ebi fosse ritrovata dal Riverside County Animal Services in California grazie al microchip che il gatto possedeva.

Un giorno Ebi non è più rientrata in casa e Joe e Leanna, allarmati da quell’evento che prima d’ora non era mai successo, hanno denunciato lo smarrimento alle forze dell’ordine. Le ricerche sono continuate senza sosta fino a quando la coppia non ha deciso di lasciare la California e trasferirsi nel Tennessee.

In questi sette anni Joe e Leanna hanno pensato che qualcuno avesse trovato Ebi per le strade e l’avesse adottata, dandole una comoda cuccia ed il calore di una casa, ma in realtà la persona che ha avvistato la gatta l’ha portata al gattile locale e questo accorgimento è stato decisivo per poterla identificare. I veterinari dopo aver visitato il felino hanno constatato la presenza del microchip e si sono messi in contatto con la coppia che non poteva mai credere a quanto gli era stato riferito: dopo 7 lunghissimi anni Ebi era viva ed era stata pronta a ricongiungersi con la sua famiglia.

La gatta, accompagnata da John Welch il capo del Riverside County Animal Services, ha raggiunto Joe e Leanna dopo un viaggio di 3.000 km che hanno accolto l’animale con le lacrime agli occhi.

La coppia, che non ha figli e per la quale Ebi è molto più di un gatto, ringrazia con tutto il cuore chi ha trovato Ebi e naturalmente tutto il Riverside County Animal Services ed è grata della generosità di queste persone, come rivela all’intervista qui postata.

Nel caso di Ebi, rintracciare la famiglia è stato possibile grazie ai recapiti telefonici dei coniugi che sono rimasti invariati, ma in caso di trasloco, è indispensabile aggiornare i dati del microchip del proprio animale affinché siano sempre attuali e raggiungibili in caso di emergenza.

Fonte: Riverside County Animal Services

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook