Exotic Shorthair, le malattie genetiche più comuni del gatto brachicefalo (e perché non comprarlo)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Stai pensando di prendere un Exotic Shorthair come animale domestico? Ecco tutto ciò che devi sapere sulla salute di questa razza

La ricetta del porridge senza cottura

Stai pensando di prendere un Exotic Shorthair come animale domestico? Ecco tutto ciò che devi sapere sulla salute di questa razza brachicefala 

I gatti di razza Exotic Shorthair si riconoscono subito per il loro muso particolarmente schiacciato e gli occhi vicini. Per via del suo carattere tranquillo e socievole, è diventato negli ultimi anni un animale domestico molto amato dalle famiglie, specialmente da chi ha bambini.

Non tutti sanno però che questa razza è il risultato di incroci tra il Persiano e l’American Shorthair. Spinti dalla grande popolarità ottenuta da questi mici, negli anni Sessanta alcuni allevatori americani decisero di creare un gatto molto simile al Persiano, ma a pelo corto. La sua origine è quindi relativamente recente e soltanto nel 1984 questa nuova razza è stata riconosciuta ufficialmente.

A causa di questa serie di selezioni, questa razza felina è esposta ad una serie di problematiche di salute che condivide con gli altri gatti brachicefali (l’anomalia anatomica del muso schiacciato) che sarebbe meglio conoscere se si ha intenzione di accoglierne uno in casa. Per non alimentare questo business degli animali “progettati ad hoc” per motivi estetici sarebbe meglio non acquistare questi gatti da allevatori o nei negozi. Se ne desiderate uno, vi consigliamo di rivolgervi ai rifugi per animali, visto che ci sono tantissimi mici randagi o abbandonati in cerca di casa.

Leggi anche: Gatto Persiano: le malattie genetiche più comuni da conoscere di questa razza

Exotic Shorthair: caratteristiche fisiche e personalità

A livello fisico l’Exotic Shorthair presenta un cranio abbastanza massiccio e arrotondato, un molto schiacciato e zampe corte e robuste. Gli occhi di questa razza felina sono tondi, ravvicinati e dal colore brillante. Mentre il pelo del suo mantello è folto e corto.

Per quanto riguarda il carattere di questo gatto, è molto affettuoso e socievole, ma tendenzialmente piro. In genere gli Exotic Shorthair dormono parecchio e miagolano raramente. Non ha problemi a convivere con altri animali in casa, ma soffre parecchio la solitudine. Per questo è importante riuscire ad organizzarsi per non lasciarlo troppo solo durante il giorno.

I problemi di salute più frequenti del gatto Exotic Shorthair

L’età media di questa razza felina si aggira intorno ai 14 anni, ma è fondamentale non trascurare certi aspetti che riguardano la sua salute. Ricordiamo che questo gatto è frutto di diverse selezioni ed è esposto ad una serie di problematiche, in particolare difficoltà respiratorie che accomunano gli animali brachicefali.

Cardiomiopatia ipertrofica

Tra le patologie che colpiscono maggiormente gli Exotic Shorthair troviamo la cardiomiopatia ipertrofica. Si tratta di una patologia che provoca un ispessimento delle parete cardiaca ventricolare, compromettendo la normale capacità del cuore. La malattia si può manifestare con diversi sintomi tra cui: soffi cardiaci, dispnea, edema polmonare e versamento pleurico.

Tuttavia, molti gatti affetti da cardiomiopatia ipertrofica non hanno sintomi visibili, per cui la patologia viene diagnosticata in ritardo. Il modo migliore per rilevarla è sottoporre il micio a test specifici come l’elettrocardiogramma e l’ecografia cardiaca. Al momento, purtroppo, non esiste una cura risolutiva di questa malattia. 

Malattia del rene policistico (PKD)

La malattia policistica renale è la patologia ai reni più comune tra gli Exotic Shorthair  e causa la formazione di cisti al posto della corticale e della midollare del rene. Il numero e le dimensioni di tali cisti variano da esemplari a esemplari. Le cisti vanno a ridurre la funzionalità del rene, causandone la dilatazione e talvolta possono essere individuate anche nel fegato e nel pancreas. Tra i sintomi troviamo nausea e vomito, poliuria/polidipsia, anoressia e carso appetito, perdita di peso e calo muscolare e letargia. Trattandosi di una malattia ereditaria e progressiva, non esiste una cura a lungo termine e la crescita delle cisti non può essere rallentata.

Calcoli renali

Inoltre, questa razza felina è particolarmente predisposta alla formazione di calcoli renali. Questi calcoli possono bloccare il flusso di urina, facendo gonfiare i reni. Se non curato tempestivamente, un blocco urinario può rivelarsi fatale. Per questo in presenza di sintomi come incontinenza improvvisa, difficoltà a urinare o sangue nelle urine è fondamentale rivolgersi subito al proprio veterinario.

Problemi respiratori

Come tutti i gatti e i cani brachicefali, anche gli Exotich Shorthair soffrono di disturbi respiratori. Il fatto di avere un muso così tanto schiacciate implica delle vie nasali più corte. Di conseguenza, questa razza è più sensibile sia al caldo che al freddo, ma anche all’eccesso di umidità e alla secchezza e non riesce a respirare correttamente (situazione che lo porta a russare e ad avere un respiro rumoroso). Tutto ciò contribuisce ad aumentare il rischio di ostruzioni, infezioni e disturbi come la rinotracheite felina.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook