È vero che un gabbiano ha afferrato un cane Pinscher e lo ha portato via?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tragedia nel bosco di Capodimonte, a Napoli, dopo che un gabbiano è volato in picchiata afferrando un cane di taglia piccola e portandolo via con sé. Ad oggi purtroppo non c'è alcuna notizia del cane. La sua proprietaria è scioccata

Altro che povero gabbiano, come diceva un pezzo del 1988 divenuto tormentone nel 2022. A Napoli un gabbiano ha puntato un cane di taglia piccola, un Pinscher, ed è volato in picchiata, afferrandolo e fuggendo via con l’animale. Impossibile seguirne gli spostamenti, del cane si sono purtroppo perse tutte le tracce.

A darne notizia è stato il Consigliere della III Municipalità di Napoli Carlo Restaino che, nel gruppo Facebook dedicato agli abitanti di Capodimonte, ha raccontato l’accaduto, confermandone la veridicità.

@Abitanti di Capodimonte e non/Facebook

La vicenda si è verificata qualche giorno fa proprio nel parco del Real Bosco di Capodimonte dove una donna aveva portato il proprio Pinscher a passeggiare. All’interno del parco vi sono infatti due aree cani dove è possibile lasciare liberi gli animali.

Il cane, ancora cucciolo, era senza guinzaglio quando è stato rapito dal gabbiano nello sgomento della proprietaria. Non si tratta di un caso isolato. A Napoli, come in altre città marittime, i gabbiani sono noti per essere tutt’altro che amichevoli specialmente quando nidificano. Attaccano i ratti, i piccioni e non per ultimo le persone.

Molti turisti hanno ripreso le incursioni dei gabbiani o sono stati loro stessi vittime degli uccelli di mare. Negli anni si è assistito a una vera e propria invasione di gabbiani, attirati nei centri urbani dalla spazzatura. E Napoli, Roma e altre località ne sanno qualcosa, avendo dovuto o dovendo tutt’ora affrontare l’emergenza rifiuti.

In città la loro presenza è costante, per tale motivo bisogna prestare la massima attenzione nei confronti dei propri animali domestici sia nei parchi che in giardini, balconi o terrazzi. E questa tristissima vicenda non fa che confermarlo.

Fonte: Abitanti di Capodimonte e non/Facebook

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook