Mettono del diserbante con lo zucchero vicino alle arnie: è strage di api a Forgaria (Udine)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Hanno aggiunto dello zucchero a del diserbante, creando un miscuglio mortale. Hanno poi messo il contenitore vicino a delle arnie...

Ecco il carrello smart per la spesa

Hanno aggiunto dello zucchero a del diserbante, creando un miscuglio mortale. Hanno poi messo il contenitore vicino a delle arnie, che erano lì, accanto a degli alberi da frutto. Ed è successo quello che si poteva benissimo prevedere: le api sono morte, compresa la Regina. 

Tutto è successo a Forgaria, in Friuli Venezia Giulia, e a parlarne è Stefano Cagnato, che ospitava sul suo terreno quelle arnie di proprietà di un amico apicoltore.

Quel luogo si prestava benissimo per un’ottima produzione di miele biologico con tigli, acacia e castagno. Le api purtroppo sono tutte morte, compresa la regina. Le ho trovate tutte a terra. Si tratta di una cattiveria che coinvolge tutti, dice dalle pagine del Messaggero Veneto.

A condannare l’accaduto è anche l’assessore Pierluigi Molinaro:

È preoccupante in un momento in cui la moria delle api è un problema serio. Come amministrazione ci attiveremo per fare in modo che le arnie tornino ad ospitare le api, che hanno un’importanza fondamentale.

Una loro eventuale scomparsa sarebbe, a Forgaria come in qualsiasi angolo del mondo, pericolosa anche per la nostra stessa sopravvivenza. Il contributo più importante fornito dalle api, ma anche da altri insetti, è l’impollinazione di quasi tre quarti delle piante che producono il 90% del cibo mondiale. Un terzo della produzione alimentare mondiale dipende, insomma, dalle api.

Negli ultimi 50 anni, la quantità di colture che dipendono dagli impollinatori (frutta, verdura, semi, noci e semi oleosi) è triplicata. Le api svolgono un ruolo importante in relazione alla portata della produzione agricola. Un’efficace impollinazione aumenta la quantità di prodotti agricoli, migliora la loro qualità e aumenta la resistenza delle piante ai parassiti.

Teniamocele strette allora le api e condanniamo atti simili!

Fonte: Messaggero Veneto

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook