Trovati in questo Lago della Patagonia resti di dinosauro gigante mai visti fin’ora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Futalognkosaurus era una specie caratteristica della zona di Neuquén durante il Cretaceo e viveva con altri dinosauri giganteschi

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Il lago Los Barreales è un bacino artificiale situato nella provincia di Neuquén, nella Patagonia Argentina. Qui un gruppo di scienziati dell”Università Nazionale di Comahue ha scoperto un dinosauro enorme, vissuto nel Cretaceo.

Il lago nacque con la costruzione del complesso idroelettrico del Cerros Colorados. Esso riceve il contributo del fiume Neuquén. Ed è lì che i ricercatori hanno trovato i resti di un dinosauro gigante e anche di un numeroso gruppo di uova.

Il Futalognkosaurus era una specie caratteristica della zona di Neuquén ai tempi del Cretaceo superiore e viveva con altri dinosauri giganteschi. per questo l’area è nota anche come “terra di giganti”. La presenza del Futalognkosaurus è stata accertata nel corso del 2000 ed è una delle punte di diamante della paleontologia di Neuquén. Allora, venne trovato il 70% dello scheletro di un esemplare e ciò ha dato vita al parco geopaleontologico dei dinosauri dell’Università Nazionale di Comahue sul lago Barreales.

Ma di recente gli scienziati, sulle spiagge del lago, hanno trovato i resti di quello che dovrebbe essere stato il compagno di questo gigantesco erbivoro vissuto nel Cretaceo superiore, 90 milioni di anni fa. Il nuovo enorme dinosauro era alto oltre 30 metri. 

Il team guidato dal paleontologo Jorge Calvo lavora da tempo nella zona e il calo del livello delle acque del lago Barreales è ciò che ha permesso al gruppo di scoprire i fossili che torneranno di nuovo sott’acqua tra un mese. 

Secondo la ricostruzione fornita dagli scienziati, nel Tardo Cretaceo, l’intero territorio di Neuquén era una giungla con alberi alti oltre 40 metri che richiedevano ai sauropodi di sviluppare lunghi colli per raggiungere le foglie di cui si nutrivano. Era una vera e propria terra di giganti, ma era un terreno adatto anche ai megaraptor carnivori, le cui ossa sono state trovate nella stessa zona. Inoltre, nei giorni scorsi, nella stessa area stati trovati anche i resti di 200 uova appartenuti ai dinosauri:

 

Insieme a Calvo lavorano i geologi Federico Narváez e Gabriel Asencio che stanno completando gli studi per saperne di più sulla “parentela” che lega il nuovo dinosauro gigante scoperto con l’esemplare trovato nel 2000.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonti di riferimento: Lmneuquen

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook