I piccoli animali domestici a rischio di colpo di calore con l’aumento delle temperature, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cani, gatti, criceti e porcellini d’India: nessuno è al riparo dagli effetti della crisi climatica in atto, che minaccia (anche) i piccoli animali che ci fanno compagnia in casa

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

Sempre più spesso i veterinari si trovano a soccorrere gatti, coniglietti, porcellini d’India vittime di colpo di calore in conseguenza dell’aumento delle temperature dovuto al riscaldamento globale: infatti, i cani non sono gli unici animali domestici particolarmente sensibili ai cambiamenti di temperatura e agli sbalzi climatici. Un nuovo studio condotto nel Regno Unito ha dimostrato come tutti gli animali che ci tengono compagnia in casa subiscano gli effetti del cambiamento climatico e ne paghino le conseguenze.

I ricercatori hanno analizzato i dati relativi agli animali domestici visitati da alcuni veterinari inglesi nel periodo compreso fra il 2013 e il 2018, combinandoli con le informazioni relative alle temperature medie del periodo. Gli animali maggiormente vittime di colpi di calore sono stati i cani con 146 casi, di cui il 75% provocato dallo sforzo fisico a cui gli animali sono stati sottoposti e il 7% dal fatto che i cani sono stati lasciati per molte ore chiusi in auto sotto il sole; fra i cani più a rischio per il caldo ci sono i bulldog (20% delle vittime).

(Leggi anche: Il 2021 è stato il quinto anno più caldo di tutti i tempi)

Ma non solo i cani subiscono gli effetti negativi del caldo: nel periodo analizzato, 16 gatti sono stati portati dal veterinario a causa di colpi di calore (la maggior parte dei casi era rappresentata da gatti anziani), ma anche 8 porcellini d’India, 3 conigli e un furetto. La maggior parte degli accessi allo studio veterinario per colpo di calore è avvenuta nei mesi estivi (fra aprile e ottobre).

Lo studio non ha tenuto conto di tutti gli studi veterinari presenti sul territorio nazionale, ma solo di un numero – pertanto, è molto probabile che le stime degli animali domestici che si sono sentiti male per colpa del caldo siano molto di più dei numeri riportati. Questo dovrebbe spingere i proprietari ad avere cure e attenzioni particolari verso i loro amici pelosi, e proteggerli dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici – che andranno intensificandosi nei prossimi anni.

I sintomi più comuni del colpo di calore negli animali domestici sono difficoltà a respirare, sonnolenza e letargia, collasso, ma anche problemi intestinali come la diarrea. I gatti, abituati a cercare un luogo più caldo per accucciarsi e dormire, possono rimanere vittime del troppo caldo, mentre animali che vivono in gabbia (come conigli e porcellini d’India) rischiano il colpo di calore se la gabbietta in cui sono costretti a vivere non offre loro una zona d’ombra – ecco perché è così importante rimodulare gli spazi dell’appartamento per fornire agli animali condizioni migliori per il loro benessere.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Nottingham Trent University / Open Veterinary Journal

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook