Come costruire un rifugio per aiutare i ricci a superare l’inverno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In autunno i ricci cercano un rifugio per andare in letargo. In poche mosse costruisci una casetta per ricci e aiutarli a superare l'inverno

La ricetta del porridge senza cottura

In autunno, le basse temperature spingono i ricci a cercare un giaciglio per andare in letargo. Non sempre però riescono a trovare un rifugio accogliente e sicuro, soprattutto nelle zone più urbanizzate. Perché allora non aiutarli con una piccola casetta fai da te?

Non è raro, per chi ha la fortuna di vivere in zone rurali, di imbattersi in piccoli ricci. Questi  graziosi insettivori spinosi, otre ad essere in via di estinzione, sono benvenuti in giardino! Infatti, mangiano gli insetti fastidiosi che possono rovinare le piante e il raccolto, come le lumache e i lombrichi.

Poiché sono innocui e sono anche amici del nostro giardino, in poche mosse possiamo costruire una casetta per permettere loro di andare in letargo in tranquillità.

Perché costruire una casetta per ricci?

Nel mese di ottobre i ricci cominciano a costruire il loro giaciglio, che occuperanno nel mese di novembre. Fondamentalmente i ricci sani vanno in letargo all’aperto, in mezzo alla natura. Costruiscono da sé il loro rifugio per l’inverno, nascondendosi sotto mucchi di foglie secche e sterpaglie. Ma alcuni di loro, se malati o disorientati, hanno bisogno di un aiutino.

Innanzitutto, possiamo fare qualcosa per tutti i ricci, animali innocui e in via di estinzione. Per esempio, non buttare via le foglie secche. È meglio, invece, ammucchiarle in un angolo, Infatti, i mucchi di sterpaglie e le siepi sono degli ambienti ideali per andare in letargo in inverno.

Ma se i ricci ti stanno particolarmente a cuore, puoi imparare a costruire una casetta per loro in poche mosse. È un’attività semplice e divertente, magari da fare insieme ai bambini, per offrire maggiore protezione e tranquillità a questi graziosi animaletti.

Cosa fare se troviamo un riccio ferito

I ricci sono in via di estinzione. Quando ne troviamo uno ferito, salviamolo! Se ci imbattiamo in un riccio ferito o malandato dobbiamo subito contattare il  Centro Recupero Animali Selvatici più vicino. Se non ne abbiamo nessuno nelle vicinanze, possiamo rivolgerci ad un veterinario.

Che cosa serve

Ci sono vari modi per costruire una casetta per ricci, dai metodi più precisi e sofisticati a quelli più semplici. Se siete amanti del fai da te, potete munirvi dell’occorrente di cui sotto. Se invece siete tipi più sbrigativi e amate il riciclo creativo, potete benissimo usare una cassetta di vini o una cassetta della frutta.

Materiale

  •  2 tavole piccole di legno asciutto e non trattato, lunghe circa 30 cm x 30;
  • 2 tavole più lughe di legno, 50 x 30 cm;
  • 1 tavola di legno per il tetto 60 x 40 cm;
  •  cartavetrata;
  • un seghetto per ritagliare l’entrata;
  • chiodi e martello;
  • piccole cerniere per la porticina (opzionale);
  • cartone catramato 65 x45cm;
  • foglie secche, paglia, bastoncini di legno.

Procedimento

In una di quelle più lunghe, dovremo ritagliare, in basso e sinistra, con un piccolo seghetto, un’entrata quadrata di circa 10 cm. Qui è importante passare la carta vetrata sui bordi, per evitare di ferire i piccoli ricci. Si può decidere di lasciare l’ingresso aperto o di aggiungere una piccola porticina per fare entrare ed uscire il riccio agevolmente. Per far ciò sono necessarie delle cerniere che permettano di aprire e chiudere la porticina con una spinta.

A questo punto possiamo assemblare le pareti con un avvitatore o con chiodi e martello.

Una volta create le pareti, vi si posiziona sopra il tetto e si fissa con chiodi e martello. Attenzione a non fare sporgere i chiodi all’interno della casetta, potremmo ferire il riccio!

Infine, sempre con chiodi e martello, fissiamo il pannello di cartone catramato sul tetto, che proteggerà la casa dalla pioggia.

Dove posizionarla

casa per ricci

©alexa-foto/Pixabay

Dobbiamo cercare un luogo tranquillo dove posizionare la casetta, possibilmente sotto una scala o sotto una siepe. Dopodiché, dovremo rivestire il pavimento della casa del riccio con molte foglie secche. In un angolino della casa dovremo mettere anche un bel po’ di paglia, per permettere al riccio di dormire al calduccio.

A questo punto possiamo ricoprire tetto e pareti di foglie secche per renderla più invitante e simile ad una tana naturale.

Precauzioni per un giardino riccio friendly

Come detto sopra, se sospettiamo che ci siano ricci in giardino, dobbiamo fare molta attenzione con le pulizie e le potature.

È bene lasciare anche una ciotolina con acqua per permettere loro di dissetarsi quando ne hanno bisogno.

Evitare l’uso dei soffiatori di foglie perché spaventano i ricci e possono anche ferirli. Inoltre, uccidono gli insetti di cui si nutrono.

Infine, bisogna lasciare la casetta nello stesso posto per tutto il periodo invernale fino a primavera inoltrata, ossia almeno fino a maggio.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare anche:

Come la Brexit sta mettendo i pericolo i ricci (e la fauna selvatica) della Gran Bretagna

Rosita, il riccio che stava soffocando a causa di un elastico è stato salvato dai volontari di un centro di recupero

La Nuova Zelanda vuole sterminare i ricci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook