Il ciuffolotto scarlatto torna finalmente in Campania: l’ultimo avvistamento 39 anni fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un evento eccezionale, una vera e propria rarità. Il suo colore inconfondibile ha permesso a un grande esperto di uccelli di riconoscerlo. È il ciuffolotto scarlatto, riapparso in Campania dopo ben 39 anni.

L’ultima volta in cui era stato avvistato da quelle parti era il 1981. Noto anche come carpodaco scarlatto (Carpodacus erythrinus) quest’uccello era stato visto l’ultima volta a Capri. Dopo aveva fatto perdere le sue tracce visto che, a differenza di molti uccelli migratori, non è solito tornare da quelle parti.

Ma la scorsa domenica sulle rive del Lago Matese, nell’omonimo parco, Ottavio Janni, Ornitologo della Commissione Ornitologica Italiana che ha proprio il compito di validare le osservazioni di specie rare di uccelli in Italia, si è ritrovato davanti un esemplare di ciuffolotto scarlatto. E non ha avuto dubbi.

“Il #Matese ogni volta conferma il suo enorme valore naturalistico che andrebbe monitorato in modo sistematico e protetto con attenzione”

ha postato l’Associazione Ardea su Facebook.

Il ciuffolotto scarlatto da giovane non ha il caratteristico colore rosso ma è marrone – grigio e non è facile distinguerlo da altri uccelli. Inoltre è solo il maschio ad avere questa particolare colorazione rossastra.

Questa specie trascorre i mesi invernali in India, in Indocina, Birmania, Cina meridionale e Iran surd-orientale migrando in primavera per andare a riprodursi in un’ampia area che va dalla penisola scandinava e all’Europa centro-orientale, raggiungendo talvolta anche l’Italia centro-meridionale, com’è accaduto quest’anno e com’era successo quasi 40 anni fa.

Una scoperta che ha fatto giorire gli ornitologi.

Fonti di riferimento: Facebook/Associazione Ardea Onlus

LEGGI anche:

Belluno città delle rondini: installati i tappetini anti-guano. Uccelli sempre più numerosi in città

Shima enaga: i piccoli uccelli giapponesi che sembrano dei batuffoli di cotone volanti

Boom di fenicottieri rosa a Priolo: raddoppiate le coppie in un solo anno (anche grazie al lockdown)

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook