Cimiteri per cani e gatti: via libera nelle Marche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche nelle Marche si potranno seppellire animali domestici.

Via libera ai cimiteri per gli animali nelle Marche: Fido&Co potranno d’ora in poi ricevere degna sepoltura, a condizione però che venga rilasciato un certificato veterinario che escluda il decesso per patologie trasmissibili all’uomo. Secondo la nuova norma, inoltre, saranno anche possibili le sepolture nei giardini privati.

Il Consiglio regionale ha così approvato la proposta di legge “Cimiteri per animali di affezione”, che detta i criteri e disciplina le modalità per la realizzazione di cimiteri dedicati agli animali di affezione (cani, gatti, criceti, uccelli in gabbia, cavalli sportivi e altri animali di piccole dimensioni) e agli animali certificati CITES (convention on international trade in endangered species), convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione.

Dopo l’esperienza del Veneto, quindi, e quella di Milano, anche nella regione marchigiana si creerà un luogo dove i nostri animali d’affezione potranno giacere per sempre.

Nei siti cimiteriali, si legge nella nota, nei quali sarà consentita solo la posa a terra con una targa ricordo (niente opere murarie né simboli religiosi), si potrà seppellire il proprio amichetto deceduto a condizione di un certificato veterinario che escluda la morte per specifiche patologie trasmissibili.

E non solo, la norma autorizza l’inumazione anche nei giardini o negli orti privati: ossia, previa dichiarazione all’ufficio veterinario, sarà possibile anche seppellire gli animali da compagnia nei giardini privati. Nel corso della votazione, infine, è stato approvato e inserito anche un emendamento per prevedere la possibilità della cremazione.

Un ulteriore passo, quindi, verso la consapevolezza che anche gli animali che ci hanno accompagnato per buona parte della nostra vita hanno diritto a essere sepolti degnamente e ad avere almeno una targa sulla quale piangerli.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook