Boom di vendite di cani con le orecchie mutilate in UK, inchiesta smaschera il nuovo trend shock sui social

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’inchiesta della BBC dimostra come il trend sui social media stia facendo aumentare la frequenza di questa barbara mutilazione

Un’inchiesta della BBC dimostra come il trend sui social media stia facendo aumentare la frequenza di questa barbara mutilazione

La testata britannica BBC ha condotto un’inchiesta dai risvolti raccapriccianti sulla diffusione di un trend social assurdo e violento: tagliare le orecchie ai cani per renderli esteticamente più gradevoli. La barbara pratica viene effettuata direttamente dagli allevatori dei cuccioli, che mettono in vendita gli animali già mutilati – convinti di averli resi più belli e ignorando la sofferenza inutile che hanno provocato. Quest’attività è ovviamente illegale nel Regno Unito, vietata dall’Animal Welfare Act: per questo motivo, gli allevatori forniscono i cani di passaporti falsi per eludere i controlli e attestare che la mutilazione sia avvenuta all’estero.

Non c’era alcuna giustificazione per questa atroce pratica, che potrebbe comportare seri problemi per i cani – spiega Paula Poyden, della associazione Dogs Trust. – Gli animali sviluppano spesso infezioni e altri problemi che si portano dietro per tutta la vita, come per esempio difficoltà a comunicare con i loro simili o con gli umani a causa di una menomazione dell’udito.

Un giornalista della BBC sotto copertura ha rintracciato alcuni allevatori che pubblicano online annunci di cani dalle orecchie mutilate: uno di loro ha offerto un cucciolo con le orecchie tagliate per 13.000 sterline, assicurando che sarebbe arrivato compreso di passaporto straniero per coprire la mutilazione illegale. Ma non solo: l’allevatore ha affermato che è “un vero peccato” che questa pratica sia vietata nel Regno Unito, poiché rende i cani molto più gradevoli e belli. Un altro allevatore si è offerto di recuperare passaporto e microchip falsi per nascondere la pratica illegale al modico prezzo di 500 sterline: i documenti arriverebbero dalla Turchia e, come assicura l’allevatore, sono validi per portare il cane in giro per l’Europa senza problemi.

Il taglio delle orecchie è una mutilazione illegale che viene eseguita per nessun altro motivo se non per ragioni estetiche: non ci sono benefici per la salute di questi cani – afferma Daniella Dos Santos, ex presidente della British Veterinary Association (BVA). Ancora una volta, si guarda agli animali come merci e macchine per fare soldi piuttosto che come esseri viventi con una propria sensibilità. Il motivo per cui questo sta accadendo è perché c’è una scappatoia che consente l’importazione di cani con le orecchie tagliate.

La moda di questi cani orrendamente mutilata si è diffusa grazie ai social e ai post di celebrità – fra cui la cantante Leigh-Anne Pinnock o lo sportivo Marcus Rashford – che mostrano fieri i propri cani con le orecchie tagliate. Grazie ai trend lanciati sui social, i cani mutilati sono molto richiesti e valgono una fortuna per gli allevatori che li vendono: le associazioni in difesa dei cani stimano che ogni cucciolo valga sul mercato fino a 1.500 sterline in più dopo la mutilazione.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: BBC

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook