Quest’uomo ha venduto persino il suo letto per costruire un rifugio e salvare 800 cani abbandonati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un uomo portoghese ha deciso di stravolgere la sua vita e dedicarla interamente ai cani randagi del suo Paese. Oggi si occupa di più di 800 cani abbandonati con il supporto di alcuni volontari e la grande generosità degli utenti di tutto il mondo, che supportano il suo operato con le donazioni

Un rifugio con oltre 800 code scodinzolanti che nessuno vuole. Questo è il São Cão, una struttura per cani abbandonati creata da signore brasiliano di nome Antônio, che ha venduto tutto ciò che possedeva per aiutare gli animali.

Dopo aver perso il suo cane a causa di un tumore ha scelto di mettere la sua vita al servizio dei più deboli: i cani randagi. Vivendo ad Algoas, Stato del Brasile settentrionale, Antônio conosce benissimo la dura realtà del suo Paese dove i cani possono a stento essere considerati gli ultimi degli ultimi.

Da allora Antônio ha deciso di rinunciare a tutti i suoi beni e metterli in vendita. Con i soldi ricavati ha acquistato un terreno nel comune di Marechal Deodoro. Ma tra i medicinali, il cibo e cani mutilati, recuperati per strada in condizioni drammatiche i soldi sono terminati molto prima del previsto.

Le bocche da sfamare non facevano che aumentare. Così Antônio ha dato via qualunque oggetto superfluo nella struttura in cui dormiva con i suoi centinaia di cani. Persino il suo letto è stato venduto pur di racimolare qualche spicciolo in più.

Venuti a conoscenza della sua storia alcuni animalisti hanno lanciato una raccolta fondi per lui e i suoi cani. Grazie alla generosità degli utenti è nato il rifugio São Cão, letteralmente “santo cane”.

Con le donazioni ricevute Antônio e il suo piccolo team di volontari hanno potuto mettere in sicurezza l’area, creare delle recinzioni per alcuni box e migliorare le condizioni di vita degli ospiti del rifugio. Le emergenze sono davvero tante. Ogni giorno vi è bisogno di oltre 200 kg di croccantini e cibo per sfamare tutti i cani.

Ci sono poi le sterilizzazioni, le visite mediche da saldare e così via. Antônio, però, non ha rimpianto nemmeno per un istante l’idea di essersi privato di tutto per il bene dei cani abbandonati. Per quanto faticoso sia prendersi cura di così tanti animali, la felicità nel saperli al sicuro, nel poter dare loro una razione di cibo è la sua più grande gioia.

Fonte: abrigosaocao/Instagram

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook