Questo cane smarrito ritrova la sua famiglia dopo un anno (ed è la cosa più emozionante che vedrai oggi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Passato quasi un anno una famiglia è riuscita finalmente a rintracciare il proprio cane. Tutto merito del microchip dell'animale e delle segnalazioni. Il loro incontro dopo tutti questi mesi è qualcosa di commovente

Si era perso lo scorso novembre, scomparendo dalla sua abitazione in Florida e da allora la sua famiglia non ha mai smesso di cercarlo, sperando dal profondo del cuore che un giorno avrebbe potuto stringere forte tra le braccia il suo Conway, questo il nome del cane, un Amstaff grigio e bianco.

E quel desiderio alla fine si è avverato quando proprio di recente gli agenti della polizia del Highlands County Sheriff’s Office hanno trovato un cane randagio che vagava in un isolato. L’animale visibilmente deperito e sofferente si era rivelato molto amichevole e dolce e, anche quando i poliziotti gli hanno messo il guinzaglio, non ha mostrato alcuna ritrosia.

Questi sono solitamente i segnali che fanno ipotizzare si tratti di un cane di casa. La conferma definitiva è arrivata però dal controllo del microchip. Il cane, regolarmente microchippato, aveva una famiglia.

Così i federali non hanno aspettato un minuto di più e si sono messi in contatto con il recapito registrato nel chip. La famiglia, incredula di quella telefonata appena ricevuta, si è precipitata nell’ufficio di polizia.

Già dalla saletta in cui ha atteso l’arrivo di Conway non riusciva a trattenere la gioia e le lacrime. Anche Conway sembrava aver riconosciuto quelle voci che risuonano di casa. Scodinzolando, si è precipitato verso i suoi amati amici umani.

Conway si è riunito con la sua famiglia grazie alle segnalazioni, all’intervento della polizia, ma principalmente grazie al microchip. Se non lo avesse avuto, sarebbe stato a dir poco complesso risalire ai suoi proprietari.

Oltre a essere obbligatorio per legge il microchip è un gesto d’amore per proteggere il proprio animale domestico. Non dimentichiamo perciò di registrare il nostro amico a quattro zampe all’anagrafe canina.

Fonte: Highlands County Sheriff’s Office/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook