Orrore in Trentino, il Pastore tedesco trapassato da due frecce sta lottando per la vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una femmina di Pastore tedesco è ricoverata in gravissime condizioni in una clinica veterinaria dopo essere stata trafitta da due frecce mentre si trovava nel suo giardino a Trento. Si indaga attualmente per identificare il colpevole di questo orribile gesto

Tre frecce scoccate per trafiggere Asia, questo il nome di una femmina di Pastore tedesco vittima di un vile attacco. La sua colpa? Probabilmente quella di abbaiare troppo, dando fastidio a tal punto da voler uccidere l’animale.

È quanto avvenuto nei giorni scorsi a Vela, una frazione di Trento, lasciando sgomenti gli abitanti della zona.  Secondo quanto riferiscono le fonti locali, il cane si sarebbe trovato nel suo giardino quando è stato raggiunto dai colpi sferrati da uno sconosciuto.

Una freccia sarebbe andata a vuoto e il proprietario di Asia l’avrebbe ritrovata conficcata nel tronco di un albero. Una seconda e una terza hanno purtroppo raggiunto il Pastore tedesco, ferendolo alla zampa e al petto.

Asia è stata portata d’urgenza in un centro veterinario dove sarebbe attualmente ricoverata in prognosi riservata. Le sue condizioni sono gravi.

Ancora ignoto il criminale, perché di criminale trattasi, che senza pietà ha colpito al petto con una freccia da balestra il povero animale, tra l’altro non per la prima volta.

Noi possiamo comprendere che non a tutti piacciano i cani, comprendiamo il nervosismo nel vedere le deiezioni dei cani non raccolte, comprendiamo l’esasperazione nel sentire un cane abbaiare per ore (in questo caso non sappiamo le motivazioni alla base del vile gesto), ma non possiamo assolutamente comprendere come una persona possa arrivare a un tale atto di vigliaccheria e chiediamo con forza che venga fatta luce sulla vicenda, individuato il colpevole e punito lo stesso con severità, ha dichiarato l’associazione Zampa trentina in un suo post Facebook.

La famiglia umana di Asia e la suddetta associazione si appellano ai cittadini affinché il colpevole venga identificato. Un soggetto in grado di compiere azioni del genere è un pericolo pubblico e va fermato.

Se avete un problema con un cane, rivolgetevi al proprietario o alle forze dell’ordine, certamente un cane colpa non ne ha. Se invece avete un problema con voi stessi, rivolgetevi a un professionista ma non scaricate la vostra rabbia su un’anima innocente. Rispetto per la vita! Forza Asia, siamo tutti con te” conclude Zampa trentina.

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook