Cosa succede se il tuo cane mangia una ciliegia intera?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maggio è il mese in cui spuntano le prime ciliegie, frutti dolcissimi con tantissime proprietà amate da grandi e piccini. Per chi ha cani in casa sorge spontaneo chiedersi se i nostri amici a quattro zampe possano condividere con noi uno spuntino a base di questo frutto

Maggio è per molti il mese delle ciliegie perché tale mese segna ufficialmente l’inizio della raccolta di uno dei frutti più apprezzati della stagione. Ma anche i nostri cani possono assaporare questa primizia che con la sua dolcezza conquista proprio tutti? La risposta è sì, ma non più di un paio e con alcune raccomandazioni fondamentali.

Le ciliegie sono ricche di vitamina A e C, contengono sostanze antiossidanti e hanno numerose proprietà anti-infiammatorie e antidolorifiche in sé. Aiutano a proteggere la vista e sono fonti di minerali importantissimi per la salute quali, ad esempio, il magnesio.

Attenzione a nocciolo, piccioli e alle foglie

Di tutte queste proprietà possono beneficiare anche i nostri amici scodinzolanti, ma prima di dare al cane il gustoso frutto bisogna rimuovere il nocciolo, i piccioli ed eventuali foglie.

Noccioli, piccioli e foglie possono essere potenzialmente letali se consumati in quantità elevate. Questi contengono l’amigdalina, un glicoside presente nei noccioli di alcuni frutti che rilascia acido cianidrico e che potrebbe essere la causa di avvelenamenti.

A sua volta i noccioli delle ciliegie possono provocare nei cani blocchi intestinali, ecco perché vanno assolutamente rimossi.

Cosa fare se il cane ingerisce una ciliegia intera

Se nonostante le precauzione il cane dovesse ingoiare una o più ciliegie intere, ossia con il nocciolo, allora devi prestare attenzione a una serie di sintomi che potrebbero essere la spia di un blocco intestinale quali:

  • vomito
  • diminuzione dell’appetito
  • stitichezza
  • riduzione della quantità di feci

L’avvelenamento da cianuro si manifesta invece attraverso:

  • respiro affannoso
  • gengive rosso vivo
  • pupille dilatate

In ogni caso si raccomanda di consultare immediatamente il proprio veterinario di fiducia e portare l’animale a controllo affinché gli venga somministrata per tempo la giusta terapia.

La frutta può essere un ottimo spuntino per i propri animali da compagnia, ma attenzione al tipo di frutto e a non eccedere. Non tutti gli alimenti che consumiamo sono infatti adatti ai nostri amici a quattro zampe.

Fonte: AKC

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook