Abbandonata a 19 anni in canile questa dolcissima cagnolona rinasce grazie a una volontaria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una cagnolona è stata portata in canile alla veneranda età di 19 anni. La sua storia ha commosso tutti e una volontaria ha deciso di prenderla con sé per tutto il tempo che le resterà. Insieme hanno già visitato posti nuovi, assaggiato cibi deliziosi e scattato tante foto

Anche a 19 anni suonati si può essere abbandonati, ceduti in canile con qualche scusa annessa per giustificare la rinuncia di proprietà. E questo è proprio quello che è successo a una cagnolona di nome Annie.

La sua precedente famiglia l’ha portata in un rifugio in Texas, Stati Uniti, la scorsa estate e lì l’ha lasciata, rimettendosi in macchina per ripartire senza di lei. La dolce Annie e il suo musetto hanno fatto scoppiare in lacrime persino i volontari storici della struttura.

La sua triste storia ha commosso in particolare una donna, Lauren Siler, volontaria presso alcune associazioni animaliste. Come già fatto in precedenza, ha deciso di prendere con sé Annie offrendole uno stallo casalingo, un luogo caldo e riparato in cui trascorrere le fredde giornate, una cuccia morbida sulla quale distendersi e tanto, tanto amore.

Annie sta per vivere il migliore mese dei suoi 19 anni. Conoscerà l’amore, sarà trattata come una principessa e riceverà tante coccole, gelati e hamburger. Quando arriverà il suo momento, non sarà sola in un rifugio” questa la promessa fatta da Lauren Siler.

Per lei sono arrivati doni da tutta l’America. Giocattoli, coperte, biscottini morbidi. Tutti hanno voluto inviare ad Annie un piccolo pensiero.

È passata così l’estate, l’autunno, l’inverno e il Natale e Annie sembra essere davvero rinata grazie alla sua dolce amica umana e a Tippy, altro cane in stallo che tiene compagnia ad Annie in ogni momento. Insieme hanno stilato una lista di cose da fare: test del DNA per scoprire la razza, set fotografico professionale, giro in auto panoramico.

Ogni giorno è una scoperta, un’occasione preziosa da cogliere al volo per vivere al massimo.

La nostra più grande speranza per il 2023 è che le persone continuino a salvare alcuni degli animali domestici più vulnerabili che si trovano in un rifugio in questo momento. Chiunque può fare quello che stiamo facendo, ha scritto la volontaria condividendo una foto di Annie nel nuovo anno, ha scritto la donna.

Annie sarebbe potuta morire sola, in un box, con attorno estranei, ma grazie a questa volontaria ha conosciuto l’amore vero. L’ultima foto condivisa di Annie risale al 6 gennaio, ci auguriamo che stia bene con la consapevolezza che il tempo trascorso con la volontaria le ha cambiato veramente la vita.

Come Annie, in tutti i rifugi di tutte le città ci sono migliaia di cani giovani e anziani che non hanno mai avuto nulla. Se desideri adottare un cane non acquistarlo, recati in canile.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: dallasanimalfoster/Instagram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook