Coronavirus: a Hong Kong primo cane risultato lievemente positivo al tampone, ma potrebbe essere contaminazione ambientale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il primo caso debolmente positivo di un animale domestico a Hong Kong potrebbe essere dovuto a una contaminazione ambientale

Al momento non ci sono prove che gli animali domestici, come cani e gatti, possano trasmettere il virus all’uomo

Un cane domestico sembra essere risultato debolmente positivo al Sars-NCov-19 . Si tratterebbe del primo caso di contagio rilevato su un cane, ma l’esito del test deve essere ancora confermato.

Il cane è di proprietà di una residente di Hong Kong contagiato dal coronavirus e la notizia è stata data direttamente dall’Agriculture, Fisheries and Conservation Department (AFCD), il dipartimento per l’agricoltura, la pesca e la conservazione di Hong Kong. Una fonte autorevole, quindi, che però aggiunge anche altri dettagli che i media per gran parte stanno tralasciando. Ma che sono importanti per prevenire l’ennesima psicosi.

Dopo essere stato prelevato dall’abitazione, il cane è stato sottoposto a tamponi raccogliendo campioni dal naso, dalle orecchie e dalla bocca dell’animale. I campioni delle cavità nasale e orale sono risultati debolmente positivi ma il cane non presenta alcun sintomo rilevante.

La stessa AFCD ha sottolineato che potrebbe trattarsi di una contaminazione ambientale. La proprietaria era infatti infetta e probabilmente ha accarezzato e interagito con l’animale: il cane può essere risultato positivo anche solo per questo motivo.

L’AFCD ha infatti precisato e ribadito che al momento non esistono prove scientifiche a sostegno del fatto che gli animali domestici possano essere infettati dal virus, né tanto meno che possano essere una fonte di infezione per le persone.

Il cane è stato trasferito in una struttura per la custodia di animali dove si trova in isolamento per la quarantena. L’animale è in salute, ma viene monitorato e sarà sottoposto di nuovo ai tamponi allo scopo di confermare o escludere l’infezione. Se i test daranno esito negativo, il cane verrà restituito alla sua famiglia.

Il Dipartimento ha consigliato alle persone risultate positive al nuovo coronavirus di sottoporre i propri animali domestici a un controllo veterinario, se questi dovessero presentare problemi di salute.

NESSUN ALLARMISMO!

Chi convive con cani e gatti non deve assolutamente allarmarsi: l’Organizzazione mondiale della sanità, così come l’Istituto superiore di Sanità hanno più volte ribadito che non esiste alcuna evidenza scientifica che gli animali da compagnia possano contrarre l’infezione o diffonderla.

“Allo stato attuale, non ci sono prove che animali domestici come cani o gatti possano essere infettati dal nuovo coronavirus. Tuttavia, è sempre una buona idea lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali domestici.
Questo  protegge da vari batteri comuni come E. coli e Salmonella che possono passare tra animali domestici e umani”, scrive l’Organizzazione mondiale della sanità nella sezione dedicata ai “miti da sfatare” sul coronavirus.

Coronavirus animali domestici

©WHO

I proprietari di cani e gatti sono dunque tenuti solo a seguire le normali norme igieniche, cioè a lavarsi le mani con acqua e sapone in seguito al contatto con i propri animali.

Fonti di riferimento: AFCD/OMS/Ministero della Salute

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook