Avvistato in Puglia il rarissimo Tremoctopus violaceus, metà polpo e metà seppia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questo piccolo e bizzarro mollusco ha finalmente potuto divenire oggetto di studi da parte dei biologi marini italiani

La ricetta del porridge senza cottura

Questo piccolo e bizzarro mollusco ha finalmente potuto divenire oggetto di studi da parte dei biologi marini italiani

Grande gioia per i biologi marini italiani: è stato avvistato, in zona Torre Canne (nel comune di Fasano, in Puglia) un raro esemplare di Tremoctopus violaceus, un mollusco a metà strada fra una seppia e un polpo. Erano più di quarant’anni che si attendeva un incontro del genere per poter finalmente studiare questo animale misterioso e affascinante, che solitamente vive in acque oceaniche (motivo per cui è così raro vederlo nei nostri mari).

L’avvistamento è avvenuto, come di solito accade,  ad opera di alcuni semplici cittadini che hanno realizzato un video amatoriale di questo bizzarro animale marino spiaggiato e che lo hanno poi consegnato alle autorità scientifiche. Quello pugliese non è stato l’unico esemplare registrato sulle coste italiane: altri avvistamenti della specie sono stati infatti segnalati sulle coste della Sardegna, e ciò ha permesso ai ricercatori delle Università di Cagliari e di Bari di condurre uno studio approfondito sul Tremoctopus, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica MDPI.

Quattro sono le specie riconosciute all’interno del genere Tremoctopus: T. gelatusT. gracilisT. robsoni e T. violaceus (la specie avvistata sulle coste italiane). Si tratta di un mollusco non molto grande (ha una lunghezza che varia fra i cinque e i dieci centimetri) che ricorda, nella sua forma e nei suoi movimenti, ora una seppia (per via del corpo lungo e affusolato) ora un polpo (grazie ai grandi tentacoli che usa per muoversi nell’acqua). Oltre al bizzarro aspetto esteriore, c’è un’altra peculiarità che caratterizza questo animale – ovvero le sue strategie difensive dall’attacco dei predatori: oltre a spruzzare inchiostro se costretto a difendersi, come fanno le seppie, il Tremoctopus è dotato di una membrana che gonfia e sgonfia a mo’ di mantello, in modo da illudere il predatore sulle sue reali dimensioni, apparendo di fatto più grande e minaccioso di quanto non sia in realtà.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: MDPI

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook