Migliaia di ragni invadono le case per sfuggire alle inondazioni che hanno colpito l’Australia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per salvarsi dalle inondazioni in corso in Australia, migliaia di ragni stanno invadendo le abitazioni. Ma gli esperti consigliano di non ucciderli, rassicurando che non sono pericolosi.

Proseguono le forti piogge e le inondazioni nella costa orientale dell’Australia, nello Stato del New South Wales e nel Sud del Queensland. Sono oltre 18mila le persone evacuate fino a ieri e in queste ore migliaia di cittadini stanno lasciando le loro abitazioni. Secondo i meteorologici, quella in corso in Australia è la peggiore inondazione degli ultimi 60 anni. E mentre tantissime persone fuggono per mettersi e altre si barricano dentro le loro case, migliaia di ragni sono usciti dalla loro tane e stanno invadendo le abitazioni per sfuggire all’acqua, spaventando ulteriormente la popolazione già sotto shock per le inondazioni dalle proporzioni bibliche. 

“È fantastico. È pazzesco “– ha raccontato Matt Lovenfosse, che vive nel New South Wales. – “I ragni sono strisciati tutti in casa, sui recinti e su qualunque cosa potessero arrivare.”.

Anche Melanie Williams, residente a Macksville, è rimasta sconvolta vedendo uno sciame di ragni che si arrampicavano sul muro esterno della sua casa “Di tanto in tanto vedo ragni in giro, ma mai niente del genere, è stato semplicemente folle” ha riferito la donna. 

“Non uccidete i ragni”: la raccomandazione degli esperti

Nonostante la paura legata ai ragni, gli esperti stanno esortando i cittadini a mantenere la calma e a non ucciderli. 

“Non ci sono più ragni di quelli che ci sono di solito” ha spiegato Lizzy Lowe, aracnologa presso la società di ricerca indipendente Cesar Australia. “La maggior parte dei ragni che state vedendo non sono altro che ragni che vivono a terra. Queste sono specie autoctone che stanno cercando di sopravvivere. L’ultima cosa da fare è eliminarle con uno spray insetticida.”

La dottoressa Lowe ha rassicurato tutti dicendo che questi aracnidi si disperderanno non appena le violente piogge saranno diminuite, aggiungendo: “Non faranno del male a nessuno.”

Anche Melanie Williams, la cui casa è stata invasa dai ragni, si è scagliata contro l’uccisione di questa specie. “Sono cacciatori di insetti molto bravi, quindi se ci sbarazzassimo di tutti i ragni, verremo infestati dagli insetti. Dovremmo preoccuparci di salvare i ragni come facciamo con i koala“.

Ma i ragni non sono gli unici animali in fuga dalle inondazioni. Anche altri insetti, tra cui grilli e formiche, si stanno rifugiando nelle abitazioni, mentre tantissimi serpenti stanno salendo sugli alberi per mettersi in salvo.

Fonte: The Guardian/CNN/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook