La siccità sta spingendo scimmie e animali selvatici ad attaccare, per la prima volta, donne e bambini in Etiopia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Etiopia, Paese tra i più popolosi dell'Africa, gli animali selvatici stanno attaccando la popolazione locale perché affamati . Da tre mesi ormai gli abitanti di molti villaggi nelle regioni orientali dell'Etiopia raccontano di invasioni nelle case da parte di scimmie e facoceri

Siccità e fame estrema continuano a dilaniare senza sosta l’Etiopia, Stato tra i più popolosi del Continente africano, dove ultimamente, nel silenzio generale, si stanno verificando una serie di attacchi da parte di animali selvatici ai villaggi rurali.

Scimmie, ma anche facoceri, si stanno riversando nelle strade, invadendo le case e attaccando la popolazione locale da ormai quasi 3 mesi. Prima questi animali temevano l’essere umano e non si avvicinavano alle abitazioni, ora la fame e la sete che tutti stanno soffrendo fanno emergere comportamenti innaturali e pericolosi.

Al momento, secondo quanto riporta Save The Children International, i bambini sarebbero illesi, ma tra la gente c’è molta preoccupazione per il futuro.

Gli anziani con cui abbiamo parlato ci dicono che anche per loro è la prima volta. Le scimmie scendono dalla boscaglia e attaccano i bambini e le donne che trasportano qualcosa. Pensano che sia acqua e cercano di bere o di prendere gli effetti personali.

Molti villaggi nella regione Somali segnalano la presenza di animali, soprattutto scimmie, nelle loro comunità, ha dichiarato Abdirizak Ahmed, Responsabile Operativo di Save the Children per le regioni orientali dell’Etiopia.

Gli animali selvatici stanno prendendo di mira le donne e i bambini che trasportano nei villaggi la poca acqua che riescono ancora a trovare o quella briciola di cibo che si procurano in qualche modo. Tutti hanno fame e la carenza di cibo non è mai stata così allarmante.

Secondo il rapporto Dangerous Delay 2: The cost of inaction di Save the Children International,  Oxfam e The Jameel Observatory in Kenya, Somalia ed Etiopia ogni 48 secondi una persona muore di fame.

In questi Paesi la fame estrema ha colpito più del doppio della popolazione rispetto allo scorso anno. Il numero di persone che soffrono la fame estrema è passato da 10 a più di 23 milioni.

A morire di fame sono anche gli animali domestici e selvatici che, allo stremo delle forze, si accasciano sugli aridissimi terreni, non trovando più niente con cui alimentarsi.

Fonte: Save The Children

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook