C’è una misteriosa malattia che sta colpendo le tartarughe marine australiane e “divorando” letteralmente il loro guscio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un numero sempre crescente di tartarughe marine australiane ha presentato una strana malattia, le cui cause rimangono tutt'ora sconosciute. Documentata per la prima volta alla fine del 2021 questa patologia che "consuma" il carapace colpisce con un'incidenza superiore i rettili marini della Sunshine Coast

Nell’Australia meridionale, ed in particolar modo lungo la Sunshine Coast, studiosi e veterinari sono preoccupati per il diffondersi di una malattia tra le tartarughe marine della costa di cui non si conoscono ancora le cause.

Quasi tutti gli esemplari recuperati presentano un carapace molto molle, in alcuni tratti quasi “divorato” tanto da esporre le ossa dei rettili marini. Non è ancora chiaro tuttavia cosa abbia potuto deteriorarlo e come le tartarughe contraggano la malattia poiché questa è stata documentata solamente alla fine dell’anno scorso.

Si tratta forse di virus, di un batterio o forse di qualche parassita? Le supposizioni sono tante, ma secondo quanto sostiene la dottoressa Kathy Townsend della University of the Sunshine Coast l’ipotesi più probabile è la malnutrizione delle tartarughe marine.

Purtroppo le inondazioni registrate nel Paese hanno costretto queste creature marine a lottare per procacciarsi la loro principale fonte di cibo: le alghe.

Il sedimento lavato via da fiumi e torrenti durante gli episodi di pioggia incessante sta soffocando i letti di alghe nelle aree colpite dalle inondazioni lungo la costa del Queensland e del New South Wales, riducendo la qualità e la quantità della principale fonte di cibo delle tartarughe. Le tartarughe marine di solito trascorrono l’estate mangiando alghe prima che queste concludano il loro ciclo vitale, ma le inondazioni hanno compromesso tutto, provocando la cattiva salute delle tartarughe e più spiaggiamenti. Prevediamo di vedere più tartarughe affamate e decedute con l’avanzare dell’inverno,

ha spiegato l’esperta dell’ateneo che sta condividendo i risultati delle analisi e delle scoperte con la School of Veterinary Science dell’Università del Queensland e con il Queensland Parks and Wildlife Service.

Il Dipartimento di Ecologia animale ha messo su un gruppo di soccorritori per aiutare le tartarughe marine australiane in difficoltà. Da marzo il polo della Sunshine Coast e l’organizzazione Turtles in Trouble Rescue hanno ricevuto più di 100 richieste di soccorso.

I casi più gravi so tenuti sotto osservazione all’ospedale veterinario dell’Australia Zoo di Beerwah, gli altri invece vengono curati nei vari centri per la tutela della fauna selvatica, mentre si cerca di capire cosa abbia provocato questa misteriosa malattia.

Fonte: University of the Sunshine Coast

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook