Strage per migliaia di saraghi d’allevamento, morti senza poter scappare dalle acque gelate in Grecia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non bastava la sofferenza dell'allevamento: migliaia di pesci hanno perso la vita senza essere potuti scappare dalle acque gelate.

Sono 600.000 i saraghi morti a causa dell’ondata di gelo che ha colpito la Grecia in questi giorni. I pesci, che vivevano in un allevamento ittico nella laguna di Rochi del lago Drepano a Igoumenitsa, si trovavano a bassa profondità e chiusi in un recinto; gli animali, prigionieri, non hanno potuto trovare la salvezza, nuotando più in profondità o verso il mare.

Ogni anno li liberiamo nel lago, ma quest’anno sfortunatamente non abbiamo avuto la possibilità di liberarli in tempo, perché il gelo è arrivato rapidamente.

ha testimoniato Ioannis Ouzounoglou, lavoratore dell’allevamento ittico, mentre cercava di raccogliere una minima parte delle 50 tonnellate di pesce deceduto.

Pochi giorni fa le temperature erano scese fino agli 0°C, ma normalmente i saraghi purtroppo non sopravvivono a temperature inferiori ai 4°C.

Sono morti per shock termico. Le temperature abituali nella laguna in questo periodo dell’anno sono di circa sette-otto gradi centigradi.

ha spiegato l’ittiologo locale Konstantinos Perdikaris del Dipartimento della pesca dopo aver visitato la laguna.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook