Mucche incinte uccise brutalmente e cuccioli soffocati nel loro ventre, investigazione shock in un mattatoio del Brasile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Immagini scioccanti diffuse da un'investigazione sotto copertura in un macello del Brasile dove mucche gravide vengono uccise brutalmente e i loro piccoli soffocati nella pancia, non ricevendo più ossigeno. Questo, e tantissimi altri abusi, si cela dietro i mattatoi di tutto il mondo

Mucche gravide sgozzate nei mattatoi, vitellini estratti dal ventre degli animali e abbandonati sul pavimento o soffocati nelle pance delle loro mamme morte dissanguate. Queste le terribili immagini documentate in un mattatoio in Brasile.

A diffonderle Animal Equality in una scioccante investigazione sotto copertura. In Brasile il consumo di carne di mucche in stato di gravidanza è consentito da un regolamento approvato nel 2017. Da allora la macellazione di mucche gravide è purtroppo aumentata.

Non si tratta, tuttavia, di una procedura abominevole relegata al Brasile. In Europa, secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, le mucche gravide ad essere macellate sono il 3%. Nel nostro Paese questa percentuale è superiore e raggiunge il 4,5%.

Anche le mucche in stato di gravidanza che non hanno superato il 90% del periodo di gestazione vengono caricate a forza sui camion diretti al mattatoio.

Orrori di questo tipo avvengono in ogni parte del mondo. In tutto i macelli della Terra abusi e maltrattamenti sono all’ordine del giorno. Qui gli animali sono privati della loro dignità, presi a calci, derisi mentre vengono scannati o bolliti vivi.

Se non possono essere sfruttati per l’industria della carne dal primo all’ultimo istante della loro breve ma agonizzante esistenza, sono considerati degli scarti che non portano alcun profitto. Rifiuti piuttosto che vite spezzate. Numeri piuttosto che esseri viventi.

Questa è solo una delle pratiche crudeli all’interno dell’industria delle carni bovine e dei latticini di cui i clienti non si rendono conto. Vogliamo assicurarci che le persone conoscano la verità e che si uniscano a noi nel chiedere al governo brasiliano di fermare questa pratica che causa tanta sofferenza alle mucche gravide e ai loro vitelli, ha dichiarato Alice Trombetta, Direttrice esecutiva di Animal Equality Italia.

Di questa empietà i consumatori non sono a conoscenza o non vogliono conoscere le urla silenziose, il dolore, l’acuta sofferenza degli animali morti per finire nei loro piatti.

Fonte: Animal Equality

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook