Carne di cavallo non tracciata e potenzialmente pericolosa venduta anche in Italia: maxi sequestro in Spagna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Smantellata in Spagna una rete criminale che esportava carne equina non adatta al consumo umano anche nel nostro Paese. Durante il blitz le forze dell'ordine hanno scoperto che decine di cavalli erano costretti a subire ripetuti maltrattamenti e lasciati senza cure veterinarie

Avevano messo in vendita carne equina non idonea al consumo umano e potenzialmente pericolosa per la salute. Una vera e propria organizzazione criminale, che agiva indisturbata in Spagna, ma che qualche giorno fa è stata finalmente dalla Guardia Civil e dall’Europol. Il blitz si è conluso con l’arresto di 35 persone, la chiusura di un allevamento di Valencia, dove i cavalli venivano maltrattati e privati di cure veterinarie, e il sequestro di oltre mezza tonnellata di carne.

La tracciabilità degli animali, infatti, era stata falsificata ad hoc. La rete di criminali, aveva manipolato la registrazione dei cavalli e utilizzato documentazioni false relative alla loro identificazione, la idoneità al consumo o il loro trasferimento per la successiva macellazione.

sequestro carne cavallo spagna

@Guardia Civil

I poveri cavalli venivano trasportati in condizioni disumane e altamente stressanti, lasciati assetati e affamati durante i lunghi tragitti per raggiungere gli altri Paesi.

A seguito della maxi operazione “Yucatán” sei aziende sono finite sotto indagine. Le 35 persone arrestate sono accusate di vari reati, fra cui appartenenza a un’organizzazione criminale, riciclaggio, maltrattamento di animali, reati contro la salute pubblica e falsificazione dei documenti.

Leggi anche: Carne di cavallo venduta ai ristoranti come manzo per hamburger, maxi sequestro in Brasile

Non solo carne non sicura, ma anche animali gravamente maltrattati

Come anticipato, le autorità spagnole hanno scoperto che i cavalli allevati per la loro carne venivano pesantamente sfruttatti. In un allevamento clandestino, sono stati trovati 80 cavalli sottoposti ad una serie di maltrattamenti; alcuni erano affetti da diverse patologie, ma sono stati lasciati a soffrire senza ricevere  cure veterinarie..

A causa dell’omissione delle cure e delle attenzioni veterinarie che richiedeva e del grave stato di salute in cui versava, uno dei cavalli è stato  sottoposto immediata eutanasia. – si legge nel comunicato dela Guardia Civil – Inoltre, la mancanza di questi controlli poneva il rischio di uno scoppio di focolai di malattie zoonotiche (che possono essere trasmesse alle persone).

A seguito della terribile scoperta, la struttura è stata chiusa e gli animali trasferiti in un luogo sicuro.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Guardia Civil 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook