Abbandonati in alpeggio in gravi condizioni, 200 bovini ed equini stanno rischiando la vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circa 200 tra bovini ed equini sono stati abbandonati tra le montagne piemontesi. Le loro condizioni di salute sono molto preoccupanti e secondo le associazioni animaliste che si stanno interessando del caso molti animali sarebbero già deceduti

Portati in alpeggio e abbandonati per settimane al loro destino senza che nessuno li accudisse adeguatamente. Questa la sorte riservata a circa 200 tra bovini ed equini che attualmente si trovano in balia del nulla tra le montagne piemontesi nei pressi di Biella.

Alcuni animali sarebbero già morti nel mezzo di una trafila giudiziaria complessa. Secondo quanto riportano Italian Horse Protection, Progetto Islander, ENPA, OIPA e altre associazioni che stanno seguendo il caso, il proprietario degli animali sarebbe stato denunciato per maltrattamento e il giudice avrebbe disposto il loro sequestro.

Anche il sindaco del Comune di Pettinengo, dove attualmente gli animali si trovano confinati, si sarebbe interessato della questione al fine di riportarli in stalla. Ma poi il nulla.

Purtroppo abbiamo saputo da fonti del posto che diversi animali sarebbero già deceduti nei giorni scorsi per malnutrizione o perché caduti nei dirupi che caratterizzano la zona. L’arrivo della stagione autunnale con il relativo abbassamento delle temperature, sicuramente sarà fatale per gli animali se non vengono riportati a valle quanto prima.

C’è anche l’altissima probabilità che alcune femmine fossero gravide al momento della partenza per l’alpeggio, il che vorrebbe dire che potrebbero aver partorito o starebbero partorendo adesso in quelle condizioni estreme, mettendo a rischio la vita anche dei neonati, dichiarano i portavoce delle associazioni.

Le Forze dell’Ordine, così come l’ASL e la Procura di Biella sono al corrente di questa terribile situazione. Più passa il tempo è più la vita degli animali è a repentaglio.  Ma le associazioni temono anche che le istituzioni possano decidere di intervenire per recuperare i bovini e gli equini e mandarli al macello.

Per scongiurare questo rischio i vari enti stanno predisponendo un’istanza, chiedendo un nuovo sequestro. Da subito i singoli responsabili hanno dato la loro piena disponibilità a ricollocare i bovini e gli equini superstiti in un ambiente sicuro. Gli animali intanto sono ancora lì e le loro condizioni di salute sono molto preoccupanti.

Fonte: Italian Horse Protection Onlus

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook