©Positive Snapshot/Shutterstock

Maxi sequestro in Nigeria: 54 milioni di dollari di scaglie e artigli di pangolino e zanne di elefante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I funzionari nigeriani hanno sequestrato una quantità record di scaglie e artigli di pangolino commerciati illegalmente, oltre a diversi chilogrammi di zanne di elefante.

Il maxi sequestro ha incluso ben 17.137 chilogrammi di scaglie e 60 chilogrammi di artigli di pangolino, oltre a 44 chilogrammi di zanne di elefante per un totale di 54 milioni di dollari. I trafficanti sono stati arrestati e verranno processati.

I pangolini sono purtroppo tra i mammiferi maggiormente commerciati illegalmente poiché, sebbene siano stati dichiarati vulnerabili e in pericolo di estinzione in tutte le zone del mondo in cui abitano, questi poveri animali continuano a essere consumati come alimento. Oltre che ad apprezzarne la carne, le scaglie e gli artigli rappresentano importanti rimedi nella medicina tradizionale cinese e vengono anche utilizzati per realizzare gioielli e accessori.

Chiaramente, la caccia e i traffico dei pangolini non fa che peggiorare la situazione di questa specie, la cui popolazione risulta sempre più in calo.

Leggi anche: I sequestri di pangolino raggiungono il massimo storico, dimostrando che il commercio illegale è ancora in forte espansione

Per raggiungere l’Asia dall’Africa, spesso i trafficanti passano dai confini nigeriani, dove risulta semplice sfuggire ai controlli per negligenza o corruzione del personale. La dogana però sta lavorando per intensificare le operazioni di contrasto al contrabbando, anche collaborando con altri Paesi tra cui Regno Unito e Stati Uniti, e questo è un primo importante risultato.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: CNN/BBC/IUCN

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook