Sfalcio dei prati e fienagione: ecco cosa fare per non uccidere daini e caprioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni anno, durante la fienagione, è strage di cuccioli di daini e caprioli che sono nascosti tra l’erba alta proprio per proteggersi dai predatori perché in pieno periodo riproduttivo. Sono tantissimi i piccoli appena nati che muoiono o che rimangono mutilati e sono pochi quelli che poi riescono a salvarsi. Ma  fermare questo massacro è possibile usando delle accortezze.

Arrivano gli appelli delle forze dell’ordine e di veterinari: attenzione alle falciatrici. Le mamma nascondono i propri cuccioli nell’erba alta per proteggerli. Tra maggio e giugno le femmine di capriolo e di daino partoriscono ed è facile imbattersi nei cuccioli.

Quindi prima regola è quella di osservare se nei pressi dei prati ci sono delle femmine adulte e in caso positivo primo di procedere allo sfalcio bisogna avvertire le forze dell’ordine o il comando provinciale eco zoofilo o l’Arma dei carabinieri dove è stato accorpato il Corpo forestale.

Quando si avvicina una falciatrice, che avanza a una velocità di 20 km/h, i cuccioli di capriolo non hanno alcuna chance, né quelli che fuggono né quelli che si acquattano. Finiscono nella falciatrice e vengono fatti a pezzi o lasciati nell’erba gravemente feriti.

caprioli uccisi dalla fienagione

“Questi incidenti sono terribili per tutti gli interessati: il cucciolo di capriolo soffre in modo atroce e urla miseramente. La femmina soffre perché non è in grado di aiutarlo e a volte continua ancora a cercare il suo piccolo perduto per giorni”, dice la Protezione animali.

Esistono misure preventive?

Come dicevamo bisogna tenere d’occhio soprattutto i prati con una vegetazione fra i 30 e i 130 cm di altezza, ricordiamo poi che le femmine solitamente partoriscono nello stesso prato. Solitamente per tenere lontane le femmine vengono posti pali con nastri di alluminio o cd, ma queste misure spesso non sono sufficienti per evitare incidenti. Strumenti più idonei possono essere la ricerca con catene umane e cani, la ricerca con il salvatore di selvaggina ISA, o anche la ricerca con drone.

Ricordiamo poi che se vediamo un cucciolo di daino o capriolo, non dobbiamo toccarlo per nessun motivo, né prelevarlo dal luogo in cui si trova: non è abbandonato, si sta nascondendo o sta semplicemente aspettando la sua mamma.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook