Le lacrime della giraffa: Alexandre e la sua fuga dal circo (video)

Schiavizzata, prigioniera di una gabbia, privata di ogni istinto naturale, addestrata a suon di percosse e privazione di cibo. Non è difficile capire perché la giovane giraffa di poco più di 3 anni, che venerdì scorso ha seminato il panico per le vie di Imola con la sua folle galoppata, abbia cercato la fuga dal circo Rinaldo Orfei.

I suoi 5 mt di altezza per una tonnellata di peso l’hanno accompagnata per chilometri in giro per la città, tra le autovetture e i palazzi, fino al recinto dello stabilimento della Coop, dove un agente della Polizia Provinciale le ha sparato un sedativo con l’impiego del fucile a narcotico. La piccola, ancora addormentata, era stata trasportata di nuovo nella sua prigione, il circo, dove, secondo il responso dagli accertamenti necroscopicie eseguiti nella sezione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, è morta poco dopo per un collasso cardiocircolatorio.

Così, mentre resta da chiarire il motivo che ha reso possibile la fuga dal recinto del circo di proprietà di Aldo Martini, che si difende accusando qualcuno di aver voluto “creare questo drammatico incidente forse proprio per danneggiare il nostro circo e l’immagine del circo in generale”, e si riaccende la polemica sui circhi con animali, la corsa del giovane Alexandre, che non aveva mai visto l’Africa sapeva cosa significa essere uno schiavo, resta un gesto esemplare di ribellione estrema alla sua detenzione forzata.

Alexandre si è ferito, ha tirato calci e zoccolate, ha avuto paura di quel mondo a lui sconosciuto. Ma non si è mai arreso a quell’auto del Circo Orfei che lo inseguiva con a bordo i suoi aguzzini. La sua era una fuga senza speranza. Forse questo lo sapeva. Eppure, per assaporare l’irresistibile gusto della libertà, a lui negato sin dalla nascita, valeva la pena rischiare. Anche la morte. Dedicato a te, coraggioso Alexandre.

“Non mi pento dei momenti in cui ho sofferto; porto su di me le cicatrici, come se fossero medaglie, so che la libertà ha un prezzo alto, alto quanto quello della schiavitù. L’unica differenza è che si paga con piacere, e con un sorriso… anche quando quel sorriso è bagnato dalle lacrime”.

Paulo Coelho – Lo Zahir

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook