Cani e gatti belli, puliti… e sani

b2ap3_thumbnail_toelette.jpg

Il tempo da dedicare al proprio cane o gatto, quotidianamente, oltre quello speso per la somministrazione del cibo, alle passeggiate, alla pulizia della cassetta, ecc ecc, include anche quello da dedicare alla sua toelettatura.


Comprende:

LA PULIZIA DEL PELO

Ormai in commercio ci sono prodotti di ogni genere per la pulizia del corpo anche dei nostri animali, shampoo di ogni marca, nel rispetto del loro ph cutaneo (evitare quindi i nostri saponi). Bisogna tenere in considerazione però che il cane, a differenza di quanto fanno molti proprietari, non andrebbe lavato molto spesso: a molti da fastidio il suo odore…ma è l’odore del cane! Inoltre più viene lavato e più tenderà a “puzzare”, per stimolazione delle ghiandole sedacee. Ottima cosa serebbe quella invece di passare anche solo un panno inumidito con acqua e aceto, comunque non quotidianamente per non seccare troppo la cute. Buona norma sarebbe invece quella di spazzolare il pelo, frequentemente, soprattutto i cani a pelo lungo, sia per togliere i nodi sia per allontanare cellule morte, polvere o residui vegetali (ad esempio forasacchi) depositati sul pelo magari a seguito di una gitarella al parco o ai giardinetti. I gatti invece, se in buona salute, si puliscono da soli, leccandosi; anche loro, se a pelo lungo, andrebbero spazzolati spesso.

IL TAGLIO DELLE UNGHIE:

La crescita delle unghie è più o meno veloce, ma soprattutto è il loro consumo ad essere più o meno rapido da soggetto a soggetto: i cani che trascorrono la maggior parte del loro tempo in casa o che vengono portati in giro rimanendo nella borsetta della proprietaria, avrà meno possibilità di fregare le proprie unghie sull’asfalto, e quindi avrà più spesso la necessità di doverle tagliare. Questo è importante perchè se eccessivamente lunghe rendono difficoltosa la deambulazione ed inoltre crescendo potrebbero ripiegarsi su se stesse causando lesioni e infezioni cutanee (fare attenzione soprattutto allo sperone in quanto non toccando terra non ha la possibilità di venire consumato). I gatti invece di solito fanno tutto da se mediante l’utilizzo di tiragraffi, o ahimè, porte, sedie e tutto ciò che può essere grattato; se questo non avviene, anche con loro bigogna ricorrere al tronchesino, soprattutto se vivono in casa con noi e magari tendono a tirare fuori le unghie anche solo per giocare. I gatti invece che vivono all’aperto sempre o per la maggior parte del loro tempo, devono essere esonerati da questo in quanto le unghie rappresentano soprattutto una propria arma di difesa. Il taglio delle unghie è una pratica completamente indolore (basta pensare a quando tagliamo le nostre); quello che al nostro cane o gatto potrebbe dare fastidio è il contenimento per cercare di tenere la zampa il più ferma possibile; è semplice da effettuare, ma nel caso il proprietario non se la sentisse, può rivolgersi al proprio veterinario.

IL LAVAGGIO DEI DENTI:

Non è una delle tante pratiche che vengono consigliate abitualmente dai veterinari, ma è utile e sana, soprattuto in quelle razze predisposte alla formazione del tartaro e quindi a gengiviti, stomatiti ecc ecc. Si tratta di una prevenzione per evitare infiammazioni/infezioni del cavo orale. Non è impossibile abituare il proprio animale a tale pratica; bisognerebbe abituarlo fin da cucciolo. Puoi leggere anche Ecco quale rimedio naturale per curare la stomatite dei vostri animali

LA PULIZIA DELLE ORECCHIE:

Anche questa può essere una pratica da effettuare più o meno frequentemente: in caso non si sia diagnosticata un’otite, per la quale è prevista una pulizia quotidiana delle orecchie con l’utilizzo anche di rimedi specifici a seconda del problema (semplice infiammazione/infezione/parassitosi/lieviti), queste possono lavate anche solo una volta alla settimana. In commercio esisono prodotti di diversa marca, ma si può ricorrere anche a rimedi naturali, come dell’olio di oliva o di mandorle dove sono state disciolte una goccia di tm di calendula ed una di propoli, oppure olio di melaleuca, o la lozione protection di Orme Naturali a base di olio di neem (questi ultimi svolgono anche un’azione anti-microbica). Per la pulizia sarebbe preferibile l’utilizzo di una garzina o al massimo di cotone; evitare invece il cotton fioc. La pulizia delle orecchie è soprattutto importante in quei soggetti predisposti alla formazione di cerume, terreno di coltura di batteri. Spesso all’interno del condotto uditivo si ha la crescita eccessiva di peli che andrebbero strappati per evitare un ristagno di umidità. Un articolo specifico sulle otiti è La medicina naturale può essere di aiuto anche nelle otiti di cani e gatti

LEGGI ANCHE:

Liberiamoci dalle fastidiose zecche!…e con i rimedi della natura

Dermatiti nei nostri cani e gatti e rimedi naturali

Quale rimedio naturale contro le fastidiose pulci?

Coop

Arrivano le ciliegie “Buone e Giuste” senza glifosato di Fior Fiore Coop

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook