Terremoto in Turchia: scossa di magnitudo 6.8, almeno 21 vittime

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una scossa di terremoto di magnitudo 6.8 ha colpito ieri sera la Turchia. L’epicentro si è registrato nella città di Sivrice, nella provincia di Elazig.

Ecco il carrello smart per la spesa

Una scossa di terremoto di magnitudo 6.8 ha colpito ieri sera la Turchia. L’epicentro si è registrato nella città di Sivrice, nella provincia di Elazig, in Anatolia orientale. Almeno 21 persone sono morte e oltre 1.000 ferite e numerosi gli edifici crollati.

A riferirlo è l’osservatorio sismologico di Kandilli a Istanbul, secondo cui il sisma è avvenuto a una profondità di 10 km ed è stato avvertito anche in Siria, Libano e Iran.

Il terremoto è avvenuto alle 20.55 di ieri (le 18.55 in Italia). Secondo la Turkey’s Disaster and Emergency Management Authority  (AFAD), l’autorità per la gestione delle emergenze e dei disastri naturali in Turchia, si sono registrate altre 200 leggere scosse dopo quella principale e già 400 squadre di soccorso sono intervenute nella regione, portando letti e tende per gli sfollati.

terremoto turchia

La regione colpita dal sisma, circa 550 km a est della capitale Ankara, è remota e scarsamente popolata, quindi i dettagli di danni e vittime potrebbero essere lenti ad emergere.

Purtroppo i terremoti sono fenomeni molto comuni in Turchia: il più devastante fu quello nella città occidentale di Izmit del 1999 quando circa 17.000 persone persero la vita.

https://www.youtube.com/watch?v=cAZLUhVsjqo

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook