Colossale e terribile tempesta di sabbia si abbatte sul Niger, sembra l’apocalisse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una violenta tempesta di sabbia si è abbattuta sul Niger. Il cielo della capitale si è tinto di rosso dando luogo a un'atmosfera apocalittica

Il Niger in queste ore è stato colpito da una violenta tempesta di sabbia. In particolare, la capitale Niamey sta facendo i conti con un evento senza precedenti. Il cielo si è tinto di rosso, creando uno scenario apocalittico. Cavallette, coronavirus e ora anche una spaventosa e colossale tempesta di sabbia. Non c’è pace per questa zona dell’Africa.

Un imponente muro di polvere rossastra ha spazzato la città, creando uno spettacolo impressionante e minaccioso. L’enorme tempesta è iniziata lunedì quando ha colpito Niamey. Nel giro di poche ore la città è stata avvolta da un’oscurità lugubre e rossastra.

Guardando il cielo, la nuvola di polvere ha inghiottitola città. Molti abitanti hanno raccontato di aver assistito al passaggio dal giorno alla notte nel giro di pochi istanti. “Fredda, strana, spaventosa”: così è stata definita ma per fortuna la tempesta non ha provocato feriti né vittime.

Le immagini, pubblicate sui social, stanno facendo il giro del mondo:

https://twitter.com/Atlantide4world/status/1257812344769359872

Le tempeste di sabbia sono comuni nel deserto del Sahara, dove ondate di venti caldi sollevano spesso grandi nuvole di polvere e detriti – specialmente nelle regioni aride dell’Africa occidentale durante la stagione secca, nota come “Harmattan”, che di solito va da gennaio ad aprile.

Inoltre, secondo uno studio del 2016, le tempeste di polvere potrebbero generare impennate di alcune malattie, come la meningite batterica, nella regione del Sahel, che si estende attraverso il Nord Africa dall’Eritrea al Senegal. Stando a quanto riportato dalla ricerca condotta da Daniel Neill dell’Institute of Infection and Global Health dellUniversity of Liverpool,  i forti venti delle tempeste spingono la sabbia, altre piccole particelle e i batteri che causano la meningite in profondità nel tratto respiratorio.

Fonti di riferimento: RT, University of Liverpool

LEGGI anche:

Nevica nel deserto del Sahara: l’nsolito spettacolo delle dune imbiancate

I fenomeni naturali più surreali del mondo

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook