Ex Ilva: la procura di Taranto ordina lo spegnimento dell’Altoforno 2, non è sicuro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'Altoforno 2 dell'ex Ilva verrà chiuso a settembre, lo ha ordinato la procura di Taranto ritenendolo non sicuro per i lavoratori.

In seguito all’incidente avvenuto nel 2015, che aveva causato la morte dell’operaio Alessandro Morricella, investito da una colata di ghisa, l’impianto ex Ilva di Taranto fu sottoposto a sequestro per violazione delle condizioni di sicurezza, e da quel momento ebbe inizio una vicenda penale infinita, che suscitò opinioni contrastanti.

Riaperto in seguito grazie a un accordo con la magistratura e all’intervento del governo, oggi, a distanza di 4 anni, la procura lo rimette sotto sequestro, ordinando lo spegnimento dell’Altoforno numero 2.

Il motivo di tale scelta è presto detto: secondo i magistrati l’azienda non ha rispettato gli impegni presi in merito alle condizioni di sicurezza dei lavoratori. Il sequestro era stato annullato grazie a questo accordo, ma oggi l’impianto sarà costretto a chiudere, come riportato anche sulla pagina facebook del gruppo Giustizia per Taranto.

La chiusura dell’Altoforno 2, uno dei tre altoforni del settore siderurgico di Taranto, è prevista per il 6 settembre. Non mancano in ogni caso le proteste perché tale chiusura comporterebbe la perdita del posto di lavoro per moltissime persone.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte corriereditaranto e Photo Credit: Ansa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook