Stiamo per gettare via oltre 5 miliardi di cellulari in un solo anno, la follia dei nostri tempi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si stima che 5,3 miliardi di telefonini cadranno in disuso soltanto nel 2022, un numero così elevato che, se venissero messi uno sopra l’altro, raggiungerebbero 50mila chilometri di altezza, pari a 120 volte laltezza della Stazione spaziale internazionale, quasi un ottavo della distanza che separa la Terra dalla Luna

Libera Terra

I rifiuti elettronici, l’e-waste, rappresentano un problema crescente a livello globale. Il motivo? La tecnologia si sviluppa sempre di più e noi consumatori siamo sempre alla ricerca dell’ultimo modello. Ma a pagarne, nemmeno a dirlo, è l’ambiente.

Secondo l’associazione no-profit Waste Electrical and Electronic Equipment (WEEE), il Forum internazionale sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), solo nel 2022 oltre 5,3 miliardi di telefoni cellulari verranno gettati in maniera errata.

Leggi anche: Contro l’obsolescenza programmata, finalmente l’Ue vuole rendere più riparabili e durevoli smartphone e tablet

Secondo il WEEE Forum, ci sono circa 16 miliardi di telefoni posseduti in tutto il mondo e si prevede che oltre 5 miliardi di questi diventeranno rifiuti elettronici quest’anno, mentre solo una piccola frazione verrà correttamente smaltita.

I consumatori, in pratica, getteranno i loro vecchi telefoni nella spazzatura o li accumuleranno in un cassetto, nonostante ci siano molte risorse preziose che possono essere riciclate dai vecchi telefoni, tra cui oro, rame, argento e palladio.

Il report

Il sondaggio è stato condotto su un campione di 8.775 famiglie europee in sei Paesi:

  • Portogallo
  • Olanda
  • Italia
  • Romania
  • Slovenia
  • Regno Unito
infografica cellulari

©WEEE Forum

Dai risultati è emerso che la famiglia media europea possiede 74 prodotti elettronici tra telefonini, tablet, laptop, utensili elettrici, asciugacapelli, tostapane e altri elettrodomestici (escluse le lampade). Di questi dispositivi, 13 finiscono per essere accumulati: nove perché rimangono inutilizzati, quattro perché rotti.

Nella classifica dei dispositivi di piccole dimensioni accumulati dai consumatori europei ci sono accessori come cuffiette e telecomandi, elettrodomestici, come ferri da stiro, apparecchi informatici (dischi rigidi esterni, router, tastiere e mouse). In seguio ci sono cellulari e smartphone e dispositivi per la cucina, come tostapane e forni con grill. Le lampade a Led figurano in cima alla lista dei prodotti che più probabilmente andranno cestinati.

infograf cellulari

©WEEE Forum

infograf cellulari

©WEEE Forum

Tra i principali motivi dichiarati per l’accumulo di dispositivi elettronici ci sono:

  • la prospettiva di un futuro riutilizzo (46%)
  • l’intenzione di vendere (15%)
  • il valore affettivo (13%)
  • il presunto valore futuro (9%)
  • la carenza di informazioni su come smaltire il dispositivo (7%)

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: WEEE Forum

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook