Black Friday, sai come riciclare gli imballaggi? Ti spieghiamo gli errori più comuni quando li getti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Poche semplici attenzioni ci permetteranno di smaltire correttamente gli imballaggi e le confezioni che non possono essere riciclati

Ci siamo, è arrivato il tanto amato e odiato Black Friday, il giorno in cui inizia la forsennata corsa ai regali di Natale e in cui le aziende propongono sconti e offerte per invogliare all’acquisto. L’aumento dei prodotti acquistati – il più delle volte online – si traduce in un aumento dell’inquinamento legato allo sfruttamento delle risorse e al trasporto delle merci, oltre che in un maggiore stress per i lavoratori che producono e vendono i prodotti che noi acquistiamo in sconto.

Leggi anche: Al Black Friday la natura non va in sconto, facciamo scelte più consapevoli per le specie in via di estinzione

Un’altra fonte di inquinamento dovuta al Black Friday, forse spesso dimenticata, è rappresentata dagli imballaggi: scatole, sacchetti, buste e altri tipi di confezioni si traducono, una volta portato a termine il loro compito, in un ammasso di rifiuti talvolta difficili da recuperare e riciclare.

Noi suggeriamo sempre, ove possibile, di riutilizzare la confezione per confezionare nuovi pacchetti o per contenere oggetti all’interno del nostro appartamento. Tuttavia, se la scatola è rotta o troppo sporca per essere conservata e riutilizzata, non ci resta che buttarla nel modo corretto. Ecco qualche consiglio per evitare errori.

Attenzione ai materiali

Isoliamo i diversi materiali che compongono l’imballaggio: rimuoviamo punti metallici, etichette plastificate e pezzetti di nastro adesivo in plastica dalla scatola di cartone. Tutto ciò che non è composto da un unico materiale, come ad esempio il sacchetto di plastica, va conferito nel secco indifferenziato.

Se all’interno della scatola troviamo dei pezzi di polistirolo con funzione protettiva, attenzione a dove li conferiamo: il polistirolo non è plastica pura, e va conferito quindi nel secco indifferenziato. Alcune amministrazioni comunali mettono a disposizione dei cittadini cassonetti ad hoc per la raccolta di questo materiale: in questo caso il conferimento del polistirolo si farà in modo diverso.

Che fare della scatola?

Se non abbiamo alcuna possibilità di riutilizzare la scatola o di conservarla in ripostiglio per quando ce ne sarà bisogno, non ci resta che conferirla nel cassonetto riservato alla raccolta della carta.

Procediamo eliminando tutti i residui di nastro adesivo in plastica e le etichette plastificate, poi comprimiamo la scatola: in questo modo occuperà meno spazio.

In alternativa, possiamo utilizzare la scatola come contenitore per i nostri rifiuti in carta e cartone, al posto del tradizionale sacchetto di carta. In questo caso, diamo forma all’imballaggio fissando le alette della scatola con del nastro adesivo di carta – che può essere smaltito insieme al cartone.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook