Questa “polvere magnetica” è in grado di attirare la plastica nell’acqua in meno di un’ora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un team di ricercatori ha scoperto che i materiali magnetici sono in grado di "attrarre" le microplastiche presenti nell'acqua in maniera veloce ed efficace

Quello delle microplastiche è un problema gravissimo sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista della salute umana: ormai si trovano dappertutto, anche in quegli luoghi un tempo incontaminati – come ad esempio i poli o le profondità oceaniche. Sono presenti nell’aria e nell’acqua, e in questo modo finiscono nella catena alimentare, arrivando anche nel nostro piatto.

Si stima che ogni anno una cifra compresa fra i 5 e i 12 miliardi di microplastiche entri negli ecosistemi naturali di tutto il mondo: si tratta di particelle di plastica piccolissime, di misura inferiore ai 5 millimetri, che non possono essere rilevate e filtrate dalla tecnologia di trattamento delle acque esistente. Queste micro-particelle possono richiedere fino a 450 anni per degradarsi completamente nell’ambiente.

Leggi anche: Ora sappiamo che le microplastiche sono persino nel sangue umano, trovate per la prima volta

Per questo motivo, gli scienziati di tutto il mondo sono alla ricerca di nuovi modi per raccoglierle ed evitare che continuino a disperdersi, contaminando ogni angolo del globo. Una risposta potrebbe arrivare da un nuovo dispositivo tecnologico messo a punto dai ricercatori Royal Melbourne Institute of Technology e in grado di attirare le microplastiche in modo molto più veloce rispetto ai sistemi tradizionali.

I ricercatori hanno osservato che, per eliminare le microplastiche presenti nell’acqua, è possibile utilizzare materiali magnetici in grado di “attirare” le piccole particelle. Hanno quindi messo a punto un adsorbente in polvere costituito da nanomateriali magnetici, come ad esempio il ferro, e lo hanno disciolto nell’acqua carica di microplastiche.

Non solo questo sistema si è dimostrato incredibilmente più veloce rispetto ai sistemi finora utilizzati (in un’ora sola è stato in grado di raccogliere una quantità di microplastiche che con gli altri sistemi sarebbe stata raccolta in giorni di lavoro), ma risulta essere anche più efficace.

Infatti, i materiali magnetici rimuovono le microplastiche 1.000 volte più piccole di quelle attualmente rilevabili dagli impianti di trattamento delle acque reflue esistenti.

La struttura a nano-pilastri che abbiamo progettato per rimuovere questo inquinamento, che è impossibile da vedere ma molto dannoso per l’ambiente, viene riciclata dai rifiuti e può essere utilizzata più volte – ha affermato Eshtiaghi della School of Engineering. – Questa è una grande vittoria per l’ambiente e l’economia circolare.

magneti attirano microplastiche

@Chemical Engineering Journal

Ultimo punto importante da sottolineare per quello che riguarda questa invenzione è il fatto che l’adsorbente è stato progettato per attrarre microplastiche senza creare inquinanti secondari o emettere carbonio.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Chemical Engineering Journal / RMIT University

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono una giornalista e una blogger. Collaboro con le testate GreenMe, Ambiente Magazine e The Wise Magazine e mi occupo di natura, sostenibilità, stili di vita sani e rispettosi dell’ambiente. Sul mio blog “La strega che scrive” parlo di giornalismo, editoria e letteratura

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook