Ora sappiamo come e perché si formano gli spettacolari cicloni polari su Giove

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sui poli del pianeta più grande del sistema solare si verificano delle incredibili tempeste polari riprese dai satelliti

La ricetta del porridge senza cottura

Sui poli del pianeta più grande del sistema solare si verificano delle incredibili tempeste polari riprese dai satelliti

Dal satellite della NASA Juno arrivano le foto sensazionali che riprendono i cicloni polari che si verificano sui poli di Giove e che hanno portato un team di ricercatori internazionali, tra cui alcuni italiani, ad approfondire il magnifico fenomeno che sta interessando il più grande dei pianeti del nostro sistema solare.

Secondo i fisici e gli oceanografi le turbolenze di cicloni polari che stanno avendo luogo sui poli di Giove avrebbero caratteristiche simili ai vortici oceanici, si verificherebbero quando l’aria è più calda e meno densa. Questa risalirebbe rapidamente all’interno delle nuvole comportandosi come una fonte di energia di origine convettiva in grado di alimentare i grandi cicloni circumpolari e polari.

Questo trasferimento di energia è stato ipotizzato dal team di ricercatori dopo aver osservato una tempesta di fulmini su Giove. Sia il polo nord che il polo sud di Giove sarebbero stati il palcoscenico di eventi ciclonici di questa portata da almeno 5 anni. Come si siano generati questi cicloni polari ancora non è chiaro, ma sarebbe stata la convenzione umida delle alte latitudini del pianeta ciò che li sostiene.

Le immagini scattate da Juno sono state infatti analizzate ad infrarossi ed hanno fornito ai ricercatori dei preziosi indizi sull’energia del sistema gioviano, mostrando come lo spessore delle nubi delle turbolenze variasse alle differenti temperature delle regioni di Giove. Nubi sottili corrispondevano a regioni calde, a regioni fredde invece nubi più fitte.

Fenomeni interessantissimi che, approfonditi, potrebbero aiutare i ricercatori a conoscere meglio le dinamiche che interessano anche l’atmosfera terrestre.

Fonte: Nature

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo inoltre:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook