Arrivano nuove prove sul più grave incidente nucleare dopo Chernobyl e la Russia continua a negare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arrivano nuove prove sul più grave incidente nucleare dopo Chernobyl ma la Russia continua a rimanere vaga, nonostante tutto.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

A causare l’incidente nucleare dell’8 agosto, paragonato a Chernobyl, non sarebbe stata una fonte radioattiva isotopica ma un reattore nucleare miniaturizzato.

Lo hanno intuito i media in seguito a un comunicato di Roshydromet, l’ente russo che ha dichiarato di aver rilevato nell’atmosfera di Severodvinsk, subito dopo l’esplosione, la presenza di radionuclidi a vita breve, che derivano dal decadimento dei gas radioattivi inerti. Fra gli elementi individuati bario, stronzio, lantanio.

La presenza di radionuclidi indicherebbe il coinvolgimento nell’esplosione di un reattore classico, sebbene non siano state trovate tracce di iodio 131, radionuclide che in caso di esplosioni simili dovrebbe rilevarsi nell’atmosfera.

Ma secondo Nils Bohmer, responsabile del Norwegian Nuclear Decommissioning, agenzia governativa norvegese che gestisce e smaltisce rifiuti nucleari, già la presenza di bario e stronzio dimostrerebbero che ad esplodere è stato un reattore nucleare, come ha affermato al TheBarentsObserver.

Senza contare che le autorità norvegesi hanno comunque rilevato nell’atmosfera una minima presenza di iodio 131, anche se troppo esigua per essere una “prova”.

Le autorità russe, dal canto loro, rimangono vaghe affermando che sia tutto sotto controllo, ma c’è chi sospetta ulteriori falsificazioni della verità, come probabilmente accaduto con i siti di monitoraggio delle radiazioni misteriosamente silenziati.

Staremo a vedere come andrà a finire questa triste vicenda, augurandoci che non sia davvero grave quanto Chernobyl.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Thomas Nilsen

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook