Quanto è forte il tarassaco? Ecco l’emozionante esperimento del soffione che devi assolutamente provare a fare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piccolo esperimento (che tutti possiamo fare) mostra una caratteristica poco nota del dente di leone, fondamentale per la sua riproduzione

Ecco il carrello smart per la spesa

Chiunque, almeno una volta nella vita, si è trovato di fronte un dente di leone (detto anche soffione) e non ha saputo resistere alla tentazione di soffiarci sopra e far volare vie tutti i semini che lo compongono. Ma sapevate che questo particolare fiore – troppo spesso considerato una pianta infestante – è resistente all’acqua?

Come ci spiega in un video Instagram Riccardo Rizzetto, alias @from.roots.to.leaves, l’idrofobia del dente di leone è ciò che permette a questa pianta di proliferare e portare avanti la specie. Ognuno dei piccoli frutti che compone il fiore, detto achene, è dotato di una sorta di “paracadute” lanuginoso, detto pappo.

Il pappo è ciò che permette all’achene di spostarsi, portato dal vento, e di arrivare anche a centinaia di metri di distanza dalla pianta madre, gettando così le basi per la nascita di nuove piante in altre aree.

(Leggi anche: Fantastico tarassaco, i soffioni immersi in acqua sono capaci di immagazzinare aria. Lo studio)

Ora immaginate se, alla prima pioggia, tutti i pappi si inzuppassero impedendo agli acheni di Fantastico tarassaco, i soffioni immersi in acqua sono capaci di immagazzinare aria. Lo studio​spostarsi dalla pianta madre e di riprodursi…sarebbe la rovina della pianta e la morte dell’intera specie! Ecco spiegato perché i pappi del tarassaco sono idrofobi, cioè resistenti all’acqua.

Possiamo sperimentare anche noi questa particolare caratteristica del dente di leone. Basterà procurarsi un soffione di tarassaco (in questo periodo se ne trovano molti nei piati incolti, nel parchi cittadini ma anche sul ciglio delle strade) e un bicchiere colmo d’acqua.

Ora non ci resta che immergere delicatamente il soffione dentro l’acqua e tenerlo nel liquido per qualche secondo. Quando lo estrarremo, tutti i pappi e gli acheni torneranno al proprio posto come per magia, per nulla scalfiti dal passaggio nell’acqua.

Ecco qualche video dell’esperimento su TikTok:

@cecio_mc

Non so da voi, noi li chiamiamo “soffioni” #tiktok #perte #fiori

♬ Love You So – The King Khan & BBQ Show

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: From Roots to Leaves

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook