Sembra incredibile, ma il tuo spazzolino elettrico può aiutare le api e l’impollinazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio ha mostrato che un semplice spazzolino elettrico che ha un ronzio simile a quello degli insetti può favorire l'impollinazione

Un semplice spazzolino elettrico può rivelarsi particolarmente utile a favorire l’impollinazione di alcune piante, tra cui i pomodori. A svelare il trucco, che si basa sui risultati di uno studio, è James Wong, esperto di etnobotanica.

In che modo il nostro spazzolino elettrico può sostituire il lavoro di un ape? Il segreto è nella sua vibrazione che, in quale modo, assomiglia al ronzio del più noto insetto impollinatore. 

A parlare di questa curiosa possibilità per impollinare è, su The Guardian,  l’etnobotanico del Regno Unito James Wong che ha sperimentato la tecnica in prima persona.

Ma partiamo dall’inizio, tutto si basa su uno studio che ha sperimentato l’uso dello spazzolino elettrico per migliorare i raccolti. C’è da specificare che molte piante della famiglia della belladonna, dai pomodori ai peperoncini, dalle melanzane ai peperoni, si affidano a quella che è nota come impollinazione del ronzio. In parole povere, il ronzio di un’ape o di un altro insetto impollinatore serve per segnalare al fiore che è il momento di prepararsi all’impollinazione.

Come spiega Wong, le rapide vibrazioni ultrasoniche emesse da specie come i bombi e appunto le api, permettono il rilascio di granelli di polline, che altrimenti sarebbero tenuti saldamente nelle antere dei fiori. È un meccanismo finemente messo a punto da milioni di anni di coevoluzione.

Il problema è che, come ormai tutti sappiamo, le specie di impollinatori sono in grave pericolo e già da tempo la popolazione di questi insetti sta diminuendo. (Leggi anche: Apocalisse delle api: il 9% degli insetti impollinatori rischia l’estinzione, secondo il report ISPRA)

A causa di ciò, alcune colture possono avere scarsi raccolti e questo è più probabile se si coltivano le piante al chiuso in serra o in zone dove gli impollinatori non riescono ad accedere.

Tradizionalmente, gli agricoltori quando serve utilizzano un diapason, che imita le vibrazioni ad alta frequenza delle api, per indurre la pianta a rilasciare il polline. Ma un’alternativa, diciamo più casalinga, potrebbe essere proprio quella di utilizzare lo spazzolino elettrico. 

Questo originale metodo è stato testato da un team di scienziati dell’Università del Texas Rio Grande Valley che ha confrontato l’efficacia dello spazzolino elettrico con quella del diapason. Cosa hanno scoperto? Basta rimuovere la testina di uno spazzolino elettrico e posizionarlo al centro di un fiore aperto lasciandolo vibrare per cinque secondi per “ingannare” la pianta e favorire l’autoimpollinazione.

studio spazzolino elettrico impollinazione grafico

@ Università del Texas Rio Grande Valley

Come dicevamo, la tecnica è stata sperimentata con successo dallo stesso Wong che scrive:

Nelle mie piccole prove in giardino quest’anno ho riscontrato un aumento del 20% nella resa per qualcosa che mi ha richiesto meno di 10 minuti. Un aumento paragonabile all’aggiunta di più fertilizzante, acqua o allo spostamento delle piante nel punto più soleggiato del giardino, con pochissimo tempo e fatica. Un bel trucco, anche se sembra un po’ strano farlo.

Naturalmente questa non può essere la soluzione a livello globale del problema dell’impollinazione e dobbiamo fare di tutto per proteggere gli insetti che compiono questo prezioso lavoro.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Guardian / The University of Texas Rio Grande 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook