Sono un ricercatore e ti spiego perché piantare indiscriminatamente nuovi alberi è sbagliato (anche se ti sembra strano)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli alberi immagazzinano carbonio, filtrano l’aria, creano habitat e forniscono una miriade di altri benefici per animali e persone. Piantarne di nuovi può anche aiutare ad affrontare la crisi climatica. Ma è assolutamente necessario si piantino gli alberi giusti nei posti giusti, confrontandosi con le comunità locali

Riforestare? Facciamolo, certo, ma a determinate condizioni. Gli alberi piantati ai tropici, per esempio, come parte degli impegni di riforestazione delle nazioni possono avere conseguenze indesiderate, a volte addirittura degradando gli hotspot della biodiversità, danneggiando ecosistemi come le praterie o invadendo le aree protette.

Secondo una nuova ricerca guidata da Matthew Fagan, assistente professore di geografia e sistemi ambientali all’Università del Maryland, alcuni alberi piantati ai tropici potrebbero fare più male che bene e che sostanzialmente il rimboschimento rapido di vaste aree potrebbe non essere la strategia migliore per ottenere molti dei benefici che le foreste possono fornire.

Le foreste immagazzinano carbonio, acqua pulita, prevengono l’erosione del suolo e danno habitat alle specie animali, “ma tutti questi benefici iniziano a manifestarsi quando le foreste sono più vecchie, dice Fagan.

Ecco perché i risultati del nuovo documento potrebbero essere allarmanti.

Lo studio

Lo studio, pubblicato su Nature Sustainability, ha esaminato l’aumento della copertura arborea nei tropici globali tra il 2000 e il 2012. Fagan e colleghi hanno scoperto che, sorprendentemente, i guadagni di copertura arborea durante quel periodo erano ugualmente attribuibili alla ricrescita naturale delle foreste e alla creazione di piantagioni di alberi. Le specie di piantagioni di alberi più comuni erano gomma, eucalipto e palma da olio.

Le piantagioni di alberi non sono sempre dannose per l’ambiente e anche la palma da olio molto diffamata può essere coltivata in modo sostenibile, spiega Fagan.

Tuttavia, lo studio ha rilevato che il 92% delle nuove piantagioni di alberi si trovavano in hotspot di biodiversità, minacciando una serie di specie vegetali e animali. Inoltre, il 14% delle piantagioni si trovava in biomi aridi, dove è improbabile che gli alberi prosperino e danneggino gli ecosistemi esistenti. E le piantagioni di alberi avevano invaso il 9% delle aree protette accessibili nei tropici umidi, come i parchi nazionali.

Quando la piantumazione degli alberi è in perdita

Negli ultimi anni, decine di nazioni si sono impegnate a ripristinare vaste aree forestali. Le piantagioni di alberi rappresentano il 45% degli impegni per la cosiddetta Bonn Challenge, un’iniziativa internazionale per ripristinare i paesaggi degradati e deforestati. Ma Fagan è preoccupato che queste piantagioni possano avere conseguenze indesiderate.

Ad esempio, la Cina ha intrapreso un enorme sforzo per piantare alberi ai margini del deserto del Gobi, così come molti Paesi africani si sono impegnati a piantare alberi nel passaggio tra il deserto del Sahara e le praterie del Sahel. L’obiettivo è prevenire l’espansione del deserto, ma le piantagioni possono causare danni. Disturbare il suolo rilascia carbonio e gli alberi sono accumulatori d’acqua.

Finiscono per uccidere la prateria che c’era, e poi spesso muoiono di siccità, dice Fagan. In queste situazioni, piantare alberi è perdente.

Allo stesso modo, in Brasile, i coltivatori di soia si sono trasferiti fuori dall’Amazzonia e nel Cerrado, una delle savane più grandi del mondo. A questa azione, sono seguite piantumazioni di pini ed eucalipti.

Il Cerrado sostiene una ricchezza di biodiversità e il carbonio che immagazzina sotto terra rivaleggia con il sequestro del carbonio della foresta pluviale, spiegano gli studiosi. Le colture arboree nel Cerrado possono contare per l’impegno di riforestazione del Brasile, ma in realtà potrebbero essere un passo indietro nella mitigazione del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità.

Gli alberi possono fare molto bene e piantarne di più può essere un fattore significativo nell’affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici. Ma deve essere fatto bene. Questo documento mostra che è possibile monitorare le foreste naturali rispetto alle piantagioni su scala globale in modo da poter incoraggiare i risultati che desideriamo ottenere.

Dobbiamo essere consapevoli del fatto che non tutta la piantumazione di alberi è benefica per l’ecosistema coinvolto – conclude Fagan. L’albero giusto nel posto giusto è la risposta giusta.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Nature Sustainability

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook