Scoperta la ninfea più grande del mondo, ha foglie di 3 metri di diametro e si trova nei giardini di Londra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le foglie della specie coltivata ai Kew Gardens, il vastissimo orto botanico a circa 10 km a sud-ovest di Londra, possono raggiungere fino a tre metri. Si tratta della Victoria boliviana ed è la più grande del mondo

Pitture ecologiche e naturali per la casa

Il famoso genere di ninfee giganti Victoria dà il benvenuto a una nuova specie“, così dicono dai Kew Gardens, il meraviglioso complesso di serre, edifici, biblioteche e giardini a sud di Londra che gode dal 1840 dello status di orto botanico nazionale. Qui è venuta alla luce una straordinaria scoperta botanica: la ninfea più grande del mondo, con foglie che possono arrivare a tre metri di diametro.

Patrimonio dell’UNESCO dal 2003, i Kew Gardens sono oggi un importante centro di ricerca che ospita circa 30mila specie di piante, oltre a vantare un erbario di circa 7 milioni di esemplari. Dal 2000 i Kew Gardens sponsorizzano il Millennium Seed Bank Project, una Banca dei Semi pensata per salvaguardare la biodiversità vegetale. E ora la fantastica scoperta.

Un lavoro lungo e non facile perché la nuova specie di ninfea, chiamata Victoria boliviana, era proprio lì in realtà già da tempo, almeno da 177 anni. Finora, infatti, era stata scambiata per Victoria amazonica, la ninfea che prende il nome dalla regina Vittoria d’Inghilterra nel 1837. Poi un team di esperti mondiali in scienza, orticoltura e arte botanica ha scientificamente dimostrato che Victoria boliviana è una nuova specie per la scienza.

Come si è arrivati alla scoperta

A identificare e classificare la ninfea Victoria boliviana è stato un team di ricerca internazionale guidato da biologi dei Royal Botanic Gardens di Kew, in collaborazione con il National Museum of Natural History della Smithsonian Institution di Washington, dell’Herbario German Coimbra Sanz di Santa Cruz de La Sierra (Bolivia), dell’Herbario Nacional de Bolivia di La Paz, dell’Università di Portsmouth, dell’Università di Goteborg (Svezia) e di altri istituti.

Dopo aver sospettato per anni che ci fosse una terza specie del genere Victoria (insieme a V. amazonicaV. cruziana) fu Carlos Magdalena, un esperto mondiale di ninfee e uno degli orticoltori botanici senior di Kew, a iniziare a fare ricerche nei giardini in Bolivia.

Nel 2016, le istituzioni boliviane del Giardino Botanico Santa Cruz de La Sierra e dei Giardini La Rinconada donarono una collezione di semi di ninfea gigante della “sospetta” terza specie. Quando Carlos fece crescere i semi a Kew, osservando la ninfea crescere fianco a fianco con le altre due specie Victoria, capì immediatamente che qualcosa era diverso.

Victoria boliviana ha una distribuzione diversa di spine e forma del seme rispetto ad altri membri del genere Victoria.

Questa è la prima scoperta di una nuova ninfea gigante in oltre un secolo. La Victoria boliviana è originaria della Bolivia, dove cresce in una delle più grandi zone umide del mondo, il Llanos de Moxos nella provincia di Beni, che ospita anche il delfino di fiume boliviano (Inia geoffrensis  ssp.  boliviensis ) e l’Ara glaucogularis, ora in pericolo di estinzione.

Questa splendida ninfea produce molti fiori all’anno ma si aprono uno alla volta, e per sole due notti, passando dal bianco al rosa, e ricoperti di spine acuminate. Anche la parte inferiore delle loro foglie è uno spettacolo da vedere, simile a un incrocio tra un ponte sospeso e il tetto di un’antica cattedrale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Kew Gardens

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook