Sa Tanca Manna è vivo! Il millenario olivastro sardo arso nell’incendio è ora pieno di germogli e ci dà una grande lezione di resilienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sorpresa in Sardegna! L'olivastro millenario divorato dagli incendi lo scorso anno è ancora vivo: grazie alle cure di volontari e botanici è riuscito a riprendersi, meravigliando tutti

Era stato dato per spacciato dopo il violento incendio (uno dei tanti) avvenuto circa un anno fa nel Montiferru, in Sardegna. Le immagini dell’olivastro millenario di Cuglieri, divorato dalle fiamme, ci avevano spezzato il cuore e per diverso tempo era stato considerato ormai morto.

olivastro sardegna

@Marta Ecca/Twitter

Ma adesso l’antichissimo albero, divenuto emblema della devastazione, si è trasformato in un simbolo di speranza: Sa Tanca Manna, questo il nome dell’olivastro, è ancora vivo.

Neanche il fuoco è riuscito a porre fine alla sua lunghissima vita. La splendida notizia è arrivata proprio in questi giorni dopo un sopralluogo effettuato sul posto da Gianluigi Bacchetta, docente di Botanica e direttore dell’Orto Botanico dell’Università di Cagliari, che conferma che l’albero si sta riprendendo in maniera sorprendente, anche grazie al prezioso intervento dei botanici e dei volontari che avevano a cuore la sua sopravvivenza.

“Pochi credevano nella possibilità di una ripresa. In tanti dicevano che si stava addirittura sprecando tempo nel cercare di rianimare questa pianta. Invece hanno avuto la meglio le azioni che si sono portate avanti: pacciamatura, irrigazione di emergenza, somministrazione degli amminoacidi levogiri per il ripristino della funzionalità radicale, protezione del tronco con i teli di juta e poi la copertura a simulare la chioma che era andata perduta” spiega il professore.

La straordinaria ripresa dell’antico albero, simbolo di Cuglieri

Le “cure” riservate all’albero nel corso della stagione autunnale ed invernale sono state benefiche. A partire dalla primavera, lo storico olivastro ha mostrato straordinari segni di ripresa, considerata la sua età avanzata e ciò che ha subito, e i suoi germogli hanno già superato i 40 centimetri.

“Non è stato possibile in autunno, perché si è trattato di una stagione molto siccitosa. Di certo non avrebbe sprecato energie d’inverno, con i rigori tipici e le giornate corte. Ha atteso la primavera, quando le condizioni si sono mostrate ideali” aggiunge il professor Bacchetta.

Ma nonostante la situazione faccia ben sperare, non bisogna abbassare la guardia.

Come Banca del Germoplasma della Sardegna continuiamo a coltivare i semi dell’olivo millenario perché potranno essere utili. – conclude l’esperto – E come Orto Botanico, in base alla convenzione con il Comune di Cuglieri e in accordo con l’associazione Montiferru, proseguiamo nelle attività di monitoraggio e di salvaguardia del Patriarca nella speranza che possa diventare esempio di resilienza anche per una comunità che, a distanza di un anno, soffre ancora gli effetti nefasti del rogo che c’è stato e attende ancora gli aiuti del Governo regionale, finora mai erogati.

Nel corso della sua esistenza millenaria l’affascinante olivastro, da sempre simbolo di Cuglieri, ha dovuto fare i conti con spaventosi incendi, forte siccità ed eventi metereologici estremi, e non si è mai arreso. Neanche di fronte al terribile rogo che ha seminato morte e devastazioen lo scorso anno. Il suo spirito resiliente riflette quello della popolazione sarda, che ha avuto la forza di rialzarsi e rinascere letteralmente dalle sue ceneri.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Università degli Studi di Cagliari 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook