Rimesso in libertà il capriolo incastrato nel cimitero di Bologna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si aggirava da giorni nel cimitero della Certosa e finalmente ieri, in tarda serata, il capriolo avvistato tra le tombe del camposanto bolognese è stato messo in salvo dalla Polizia provinciale che lo ha successivamente liberato nell'oasi di protezione della fauna selvatica Destra Reno a Sasso Marconi.

La ricetta del porridge senza cottura

Si aggirava da giorni nel cimitero della Certosa e finalmente ieri, in tarda serata, il capriolo avvistato tra le tombe del camposanto bolognese è stato messo in salvo dalla Polizia provinciale che lo ha successivamente liberato nell’oasi di protezione della fauna selvatica Destra Reno a Sasso Marconi.

Immobilizzato con una rete da una squadra di quattro agenti e due guardie volontarie, il giovane “bambi”, un esemplare maschio di circa 25 chili, potrà ora unirsi nell’area protetta ad altri esemplari della sua specie.

Non è il primo intervento di questo tipo che la polizia provinciale porta a termine con successo“, ha commentato l’assessore provinciale Gabriella Montera che ha voluto ringraziare personalmente gli agenti che giornalmente “sono impegnati a garantire la tutela delle specie e la sicurezza dei cittadini”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook