“Lasciate le foglie cadute nei parchi, valgono oro”: la città olandese che punta sui benefici del foliage

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una città dei Paesi Bassi esorta i suoi giardinieri a lasciare le foglie autunnali cadute nei parchi. Queste valgono oro per il suolo essendo una risorsa preziosissima anche per gli animali. In città, nei viali privati e lungo le piste ciclabili, sono stati predisposti dei cestini per raccogliere le foglie e trasformarle in compost

Tradizioni da superare

Via soffiatori e rastrelli! A Eindhoven, città del Brabante Settentrionale, l’amministrazione locale ha già istruito i suoi giardinieri sul da farsi: lasciare che le foglie autunnali cadute si decompongano nei parchi e nei giardini pubblici.

Il motivo utilizzare una risorsa naturale che vale oro. Così si chiama proprio il progetto pilota lanciato dal Consiglio di Eindhoven: Missione Foglia d’Oro. Lasciare che le foglie cadute giacciono nelle aree verdi ha grandissimi vantaggi per l’ambiente.

Le foglie autunnali proteggono infatti le piante dal freddo invernale, rappresentando un rifugio naturale per vari animali selvatici come, ad esempio, il riccio. Anche gli insetti trovano riparo tra le foglie cadute, nutrendosi di queste e decomponendole assieme ad altri microorganismi.

In questo modo tutti i nutrienti vengono assorbiti dal terreno e le piante riceveranno nutrimento sufficiente per rifiorire in primavera. Grazie all’acqua trattenuta dal terreno queste si seccheranno anche meno rapidamente.

Le foglie d’autunno si decompongono da sole nel tempo, senza il bisogno di un intervento esterno. Anche per questo l’utilizzo di soffiatori nei parchi cittadini è solamente dannoso oltre che non necessario. (Leggi anche: Soffiatori per foglie: 5 motivi per smettere subito di utilizzarli, soprattutto in autunno)

Il bello di questo è che rompe con la tradizione del giardinaggio e l’idea che tutto deve apparire in ordine. Lascia che i processi naturali facciano il loro corso e vedi che ci sono vantaggi non solo nelle aree dell’ecologia e della biodiversità, ma anche con meno erbacce e meno bisogno di acqua in estate. Quando piove, c’è meno deflusso negli scarichi: crea un intero processo di miglioramento, ha dichiarato Martijn van Gessel.

Per la sicurezza pubblica il Consiglio ha deciso comunque di rimuovere le foglie lungo le piste ciclabili, su strade e marciapiedi. Per tale motivo ha predisposto 200 “cestini per foglie”. Queste saranno raccolte, trasformate in compost e restituite al quartiere sotto forma di sostanza organica con cui arricchire i terreni di giardini e parchi.

I cestini per foglie sono stati distribuiti a Eindhoven in base alla quantità di verde di ogni distretto e massimizzare così la raccolta. Il progetto sarà portato avanti per tutto l’autunno del 2022 e del 2023.

Fonte: Einhoven duurzaam

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook