La straordinaria unicità dei fiocchi di neve al microscopio che ti farà amare l’inverno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come appare un fiocco di neve? Se conosciamo oggi le loro forme uniche e la loro incantevole bellezza lo dobbiamo a Wilson Bentley, il primo a fotografarli al microscopio nel lontano 1885

Sono tutti diversi e non ve n’è uno che si ripeta. I fiocchi di neve, cristalli di ghiaccio, sono una delle meraviglie di Madre Natura. Se oggi conosciamo la loro unica e singolare bellezza è grazie a Wilson Bentley, allora un ragazzino di Jericho, Vermont, stregato dai fenomeni atmosferici e interessato a studiarne le loro forme.

Sin da piccolo passava il tempo a osservare la pioggia, la rugiada e la neve posarsi sulla fattoria di famiglia. Ma ciò che da sempre ha attirato la sua attenzione sono stati i cristalli di ghiaccio. Grazie a un microscopio che la mamma utilizzava nell’insegnamento scolastico, Wilson Bentley ha iniziato a scrutarne ogni dettaglio e a disegnarlo, cercando di fissare su carta quanto i suoi occhi avevano visto.

Ha realizzato centinaia di schizzi di fiocchi di neve, ma il risultato non era mai davvero fedele all’originale. Non molto tempo dopo Bentley lesse però di macchine fotografiche che potevano scattare fotografie attraverso il microscopio. Da lì la svolta.

Dopo tentativi e fallimenti il 15 gennaio del 1885, durante una tempesta di neve, riuscì a immortalare le prime microfotografie mai scattate di un cristallo di ghiaccio. E da quel momento non si è più fermato, consapevole che il fascino e la complessità dei fiocchi di neve andasse mostrata al mondo.

Al microscopio, ho scoperto che i fiocchi di neve erano miracoli di bellezza; e sembrava un peccato che questa bellezza non dovesse essere vista e apprezzata dagli altri. Ogni cristallo era un capolavoro di design e nessun disegno veniva mai ripetuto. Quando un fiocco di neve si scioglieva, quel disegno andava perduto per sempre. Quella bellezza se n’era andata, senza lasciare traccia di sé, disse Wilson Bentley nel 1925.

Nel 1924 ricevette la prima borsa di ricerca mai concessa dall’American Meteorological Society come riconoscimento da parte della comunità scientifica per il suo lavoro. Per oltre 40 anni Bentley ha fotografato i cristalli di neve, divenendo noto come Snowflake Man.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: SnowflakeBentley

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook