La Scozia sta piantando un milione di alberi sulle rive dei fiumi per salvare i salmoni selvatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le ondate di calore sempre più ricorrenti stanno mettendo in pericolo i salmoni selvatici che popolano i fiumi scozzesi. E per salvarli arriva un esercito di alberi! Entro il 2035 circa un milione verranno piantati le rive del fiume Dee e i suoi affluenti

In Scozia le temperature sempre più elevate stanno mettendo a rischio la sopravvivenza dei salmoni selvatici che popolano i fiumi. Sono sempre più frequenti le ondate di caldo record che provocano ai pesci ustioni, stress, portandoli non di rado alla morte, specialmente gli esemplari più giovani. Come arginare questo grave problema? Per evitare di arrivare ad assistere ad una strage di salmoni l’organizzazione River Dee Board and Trust ha deciso di rispondere con “un’arma” molto potente: gli alberi! Creando ombra e generando ossigeno, gli alberi possono proteggere gli animali che vivono nei corsi d’acqua.

Dal 2013, infatti, sono stati piantati oltre 200.000 piante autoctone lungo le rive del fiume Dee (che scorre nella regione dell’Aberdeenshire) e dei sui affluenti.

Le previsioni sui cambiamenti climatici di Marine Scotland indicano che molti affluenti montani raggiungeranno temperature dell’acqua estive che rendono i corsi d’acqua inabitabili per il salmone. – spiegano dal River Dee Board and Trust – Nel 2018, ad esempio, la temperatura dell’acqua del Gairn ha raggiunto una temperatura 27,5°C, vicina a quella letale per i giovani salmoni.

Così, a proteggere i salmoni dalle conseguenze della crisi climatica ci pensano gli alberi. Il River Dee Board and Trust si è posto l’ambizioso obiettivo che prevede la piantumazione di un milione di alberi, tra cui betulla, pino silvestre, biancospino e pioppo tremulo, entro il 2035.

L’ombra e la produzione di ossigeno non sono gli unici vantaggi legati alla presenza di alberi. Le piante infatti aiuteranno i salmoni, fornendo insetti di cui si nutrono e nutrienti grazie attraverso le foglie che cadono. Inoltre, i rami caduti nei corsi d’acqua serviranno ai salmoni per deporre meglio le uova.

“Gli alberi servono anche a ridurre il rischio di inondazioni, portando ad un arricchimento della biodiversità generale che include un’ampia varietà come il fagiano di monte, il gallo cedrone e la beccaccia” sottolineano gli esperti del River Dee Board and Trust.

In poche parole gli alberi che verranno piantati saranno non soltanto dei preziosi alleati per i salmoni selvatici, ma per tutto l’ecosistema.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: River Dee Board and Trust

Sui salmoni potrebbe interessarti anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook