Questa apicoltrice texana lavora con le api a mani nude e senza alcuna protezione, ma gli altri apicoltori invitano a non imitarla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Erika Thompson, un'apicultrice texana che lavora con le api, senza indossare guanti o tuta protettiva e i suoi video su TikTok sono divenuti oggetto di polemica

Stanno facendo discutere i video su TikTok condivisi da Erika Thompson, un’apicoltrice texana che lavora con le api, senza indossare guanti o tuta protettiva. Nei suoi filmati, da milioni di visualizzazioni, si mostra quasi sempre in jeans, camicetta o canottiera, circondata da migliaia di api. Spesso viene contattata da altre persone rimuovere alveari nelle abitazioni e, anche in questi casi, fa tutto senza alcuna protezione (neanche per il viso). Il suo scopo è dimostrare agli utenti che non si tratta di insetti aggressivi, di cui aver paura, e far capire che tendono a pungere soltanto quando si sentono minacciate o devono difendere il loro alveare.

Ma le api sono davvero così innocue? Migliaia di api non possono trasformarsi in un pericolo se non si è adeguatamente protetti? La risposta è sì. E a ricordarlo ci hanno pensato diversi apicoltori che hanno aspramente criticato il comportamento, ritenuto superficiale e inadeguato, della collega.

Leggi anche: Le api non trovano più i fiori: gli apicoltori sono costretti a nutrirle con sciroppo a base di zucchero

Gli apicoltori professionisti invitano ad indossare un abbigliamento adeguato per interagire con le api

In risposta ai video pubblicati da Erika Thompson, è intervenuto l’apicoltore Friday Chamberlain, specialista nella rimozione delle api, affermando che i filmati creano un “precedente pericoloso” su come lavorare in sicurezza e prendersi cura delle api. Secondo Chamberlain, la collega Erika fa tutto ciò che non si dovrebbe fare quando si interagisce con questi insetti impollinatori: ad esempio indossare capi dai colori scuri (che possono portare le api ad attaccare) o lasciare i capelli sciolti, in cui le api potrebbero restare intrappolate e pungere su viso e collo nel tentativo di liberarsi.

Sono d’accordo con lei al 100% quando mostra quanto siano docili gli sciami – chiarisce Chamberlain –. Ma il fatto che si metta a liberare le api senza indossare alcuna attrezzatura di sicurezza e indossando leggings neri sta creando un precedente molto pericoloso. Quello che fa per le api è fantastico: lavora alla legislazione contro i pesticidi e quant’altro, ma non è una specialista nella rimozione delle api. Come apicoltore professionista, è la mia missione e il mio scopo aiutare le persone a capire quanto sia importante il lavoro delle api e degli apicoltori per il nostro mondo. Solo gli apicoltori esperti dovrebbero maneggiare le api ed eseguire servizi di rimozione delle api”.

Dello stesso parere di Chamberlain anche Barbara Baer-Imhoof, assistente specialista per la salute degli impollinatori presso il Center for Integrative Bee Research dell’Università della California Riverside, che spiega quanto sia fondamentale indossare vestiti adatti, guanti e stivali che coprono le caviglie, soprattutto se si tratta di colonie di api che non si conoscono. 

Personalmente, non mi avvicinerei a una colonia che non conosco senza indossare un abito completo – commenta l’esperta, che lavora con le api dal 2005 – Le api sono animali selvatici. Gli alveari hanno personalità diverse. Non sai chi incontrerai e di che umore sarà l’alveare quel giorno”.

Anche Ashley Ralph, presidente della Texas Beekeepers Association, ha specificato che a volte gli apicoltori scelgono di indossare indumenti meno protettivi se hanno familiarità con l’alveare e che quello della rimozione delle api andrebbe eseguita soltanto se si è un professionista del settore e indossando adeguate protezioni.

Insomma, le api sono creature straordinarie e preziose per il Pianeta, ma – come consigliato dalla gran parte degli stessi apicoltori – è sempre meglio essere prudenti. 

Fonte: TikTok/CNN

Leggi tutti i nostri articoli sulle api:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook