Monfalcone brucia ancora: divieto di uscire di casa e obbligo di mascherina FFP, l’aria è irrespirabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La regione del Carso, nella Venezia Giulia, è da giorni alle prese con incendi sempre più indomabili: i Vigili del Fuoco sono al lavoro giorno e notte, ma la situazione è drammatica

Non solo il continente europeo, ma anche il nostro Paese è nella morsa del fuoco e degli incendi dovuti a siccità e temperature eccessivamente alte. Dopo l’emergenza a Roma e nel Lazio, non ancora pienamente risolta, un’altra regione che versa in emergenza è quella del Carso, in Friuli Venezia Giulia.

Fra i comuni più colpiti si menziona quello di Monfalcone, da giorni alle prese con diversi focolai che lambiscono le case, distruggono ettari di bosco e rendono l’aria irrespirabile per i residenti. I Vigili del Fuoco stanno lavorando giorno e notte, in condizioni di pericolosità e difficoltà estreme, per provare a spegnere i diversi focolai, ma la situazione non è ancora sotto controllo.

L’amministrazione comunale di Monfalcone ha emesso un’ordinanza nelle scorse ore che impone a tutti i cittadini del comune l’utilizzo della mascherina FFP2 all’esterno – un obbligo, stavolta, non legato al contenimento dell’epidemia da Covid, quanto piuttosto ai livelli altissimi di particolato PM10 e benzene rilevati da ARPA nell’aria.

Il provvedimento dispone anche la sospensione dello svolgimento delle attività mercatali settimanali, previste per il mercoledì, mentre si consiglia a tutti di rimanere a casa e di non uscire se non per motivi di necessità inderogabile, mantenendo porte e finestre ben chiuse e non lasciando gli animali domestici fuori casa.

Si sollecita inoltre di non accedere alle aree di Marina Julia e Marina Nova: è da questi argini che i Canadair attivi nello spegnimento degli incendi stanno prelevando l’acqua e la presenza di persone in questi luoghi potrebbe inficiare le operazioni dei mezzi di soccorso.

Si registrano problemi e disservizi anche alla viabilità ferroviaria e al traffico delle automobili, con un tratto dell’A34 chiuso al pubblico poiché troppo vicino ai focolai dei roghi. Fortissimi disagi al traffico veicolare anche nell’area compresa tra Ronchi, Sistiana e il Vallone.

Attualmente le autorità, oltre che sul fronte dello spegnimento, sono attive anche per indagare la causa dietro questi incendi che stanno distruggendo ettari di bosco, minacciando gli ecosistemi locali.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Comune di Monfalcone

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook