Piogge record, frane e inondazioni fanno chiudere il parco di Yellowstone: non accadeva dal 1988

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'improvviso scioglimento delle nevi invernali, unito al maltempo di questi giorni, ha provocato danni ingenti ad uno dei parchi più famosi degli Stati Uniti

Inondazioni record e smottamenti a seguito dei forti temporali degli ultimi giorni stanno minacciando uno dei parchi naturali più famosi e visitati degli Stati Uniti – quello di Yellowstone, che copre un’area di oltre 9.000 chilometri quadrati comprendente tre Stati (Wyoming, Montana, Idaho) e che resterà chiuso al pubblico finché non saranno effettuati rilievi e valutazioni dei danni.

L’intera area del parco rimarrà quindi interdetta a tutti i visitatori, compresi quelli che hanno prenotato per le attività di camping, almeno fino a domani: le autorità locali stanno infatti valutando i danni inflitti dal maltempo a strade, piogge e altre strutture.

Nella storia del parco nazionale, solo un’altra volta era accaduto che tutti e cinque gli ingressi dislocati nel territorio dei tre Stati fossero chiusi contemporaneamente: nel giugno del 1988, una serie di devastanti incendi a catena provocati da un fulmine che aveva bruciato un albero costrinse i gestori dell’area protetta a vietare l’ingresso ai visitatori.

Leggi anche: Questa azienda energetica ha finanziato per anni annunci di negazione della crisi climatica negli Stati Uniti

La zona maggiormente colpita sembra essere quella settentrionale, dove si registrano guasti a strade e ponti, piccole frane e smottamenti di fango: questi danni sono stati provocati dall’esondazione del fiume Gardiner, che scorre proprio lungo l’ingresso nord del parco. Inoltre, l’accesso all’energia elettrica è stato interrotto in diverse aree del parco.

Acquazzoni torrenziali e piogge forti stanno affliggendo da alcuni giorni diverse aree del parco: secondo il servizio di gestione di Yellowstone, si tratta di volumi idrici del tutto inediti per l’area e per la stagione praticamente estiva.

Ma non solo: l’improvviso aumento delle temperature negli ultimi tre giorni ha anche accelerato lo scioglimento della neve che durante l’inverno si era accumulata nelle quote più alte del parco e che è defluita in forma liquida a valle, peggiorando la situazione di allagamento.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: The Guardian / Yellowstone National Park

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook