Marea nera nel golfo del Messico: il nuovo tappo funziona! Bloccata finalmente la fuoriuscita di petrolio?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo ben 13 settimane dall’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon, che ha provocato il riversamento in mare di 60.000 barili di petrolio, con danni irreversibili per la flora, la fauna, la salute e l’economia dell’intera zona del Golfo del Messico, sembra che la BP abbia finalmente trovato una soluzione definitiva per evitare l’espandersi del disastro ambientale: sembra infatti dai test effettuati che la nuova cupola installata nei giorni scorsi sia riuscita a chiudere la falla bloccando tutta la fuoriuscita di greggio.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Dopo ben 13 settimane dall’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon, che ha provocato il riversamento in mare di 60.000 barili di petrolio, con danni irreversibili per la flora, la fauna, la salute e l’economia dell’intera zona del Golfo del Messico, sembra che la BP abbia finalmente trovato una soluzione definitiva per evitare l’espandersi del : sembra infatti dai test effettuati che sia riuscita a chiudere la falla bloccando tutta la fuoriuscita di greggio.

Lo ha reso noto Kent Wells, vice presidente della compagnia petrolifera: “È un bene vedere che al momento non c’è petrolio che fuoriesce nel Golfo del Messico – ha commentato Wells – ma il test è appena iniziato. È comunque un segnale molto incoraggiante“.

Il nuovo tappo infatti sembra funzionare al 100%, bloccando definitivamente l’emorragia di petrolio del pozzo danneggiato e fermando la marea nera del Golfo del Messico che da 87 giorni continuava ad allargarsi “a macchia d’olio”. Per capire se durerà, però, bisogna aspettare la fine del test, che proseguirà per altri due giorni. I tecnici stanno monitorando la situazione all’interno della cupola: se la pressione sale e resta alta vuol dire che il tappo funziona, se non sale significa che c’è un’altra falla da qualche altra parte.

Obama, intanto, ha definito questo primo esito come “un segnale positivo”, mentre l’ammiraglio Thad Allen, responsabile delle operazioni di emergenza della marea nera per la Casa Bianca, ha fatto sapere che “il test di integrità del pozzo procede come previsto, ma saranno necessarie ancora molte ore prima di poter giungere a conclusioni definitive“.

Watch live streaming video from wkrg_oil_spill at livestream.com

Leggi tutti gli articoli sulla marea nera del Golfo del Messico

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook